Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:27 METEO:PORTOFERRAIO13°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Accesa a Olimpia la torcia olimpica: inizia il viaggio verso l’inaugurazione di Parigi 2024

Attualità venerdì 30 marzo 2018 ore 16:14

"Tassa di sbarco? Strozzinaggio fiscale"

L'intervento polemico di Romano Bartoloni evidenzia quanto l'aumento del tributo possa pesare soprattutto sui frequentatori abituali dell'isola



MARCIANA — I profumi della primavera inebriano meglio delle droghe i cervelli dei soliti furbetti. Sale l’ingordigia del colpaccio sulla pelle del malcapitato turista e la tassa di sbarco ricomincia a gonfiarsi come un pallone. Da un’ora all’altra potrebbe salire dai 3,50 a 5 euro a testa, compresa quella dello spesso ignaro proprietario di seconda casa (nessun cartello o avviso nella biglietteria o altrimenti certificazione burocratica invece dì autocertificazione), al quale si nasconde il suo sacrosanto diritto all’esenzione pagando le tasse locali come e più dei residenti.

Incoraggiata da Roma è prodotta come legittima alternativa nelle isole minori alla tassa di soggiorno forse per non turbare il mercato nero delle locazioni. Con l’aumento della tassa di sbarco, punta direttamente alle stelle il caro tariffe traghetti che è la più pesante palla al piede dell’economia elbana assieme a una pressione fiscale che accomuna nelle stridore di denti forestieri e locali il cui reddito è legato all’andamento degli arrivi estivi. Peraltro, l’impiego dispersivo che se ne fa, accresce la rabbia contro il balzello. I ricavi vengono investiti per mille usi cosiddetti promozionali e per feste paesane, invece di destinarli, secondo l’indirizzo legislativo di imposta di scopo, a migliorare i servizi pubblici e le strutture della ospitalità, e, in particolare, a sostenere i costi della raccolta dei rifiuti che dovrebbero calare e gravare meno sugli utenti, se davvero funzionasse la raccolta differenziata. Poiché da tempo è finita l’illusione che il pienone vacanziero possa durare oltre le solite settimane della calura, si ricorre disinvoltamente allo strozzinaggio fiscale e tariffario. Mai sfiorasse il dubbio che il richiamo turistico possa essere favorito da una politica lungimirante dei prezzi e dell’accoglienza, e con flotte di navi amiche che fronteggino la piaga dei salassi.

Buona Pasqua! Buona Stagione!


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A ricostruire la vicenda è il sindacato di polizia penitenziaria Sappe che torna a chiedere più mezzi e personale in servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica