QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 12°13° 
Domani 14°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 21 novembre 2018

Politica sabato 17 dicembre 2016 ore 15:49

Ok del legale, l'ecomostro in consiglio

Il parere legale rassicura la maggioranza che porta all'approvazione la scheda urbanistica dell'ecomostro, presto la rimozione delle macerie



MARCIANA — Troverà spazio nell'ultimo consiglio comunale dell'anno la scheda urbanistica B4, quella relativa all'ecomostro di Procchio. A due settimane dalla scorsa convocazione, andata deserta per volere della stessa maggioranza consiliare, infatti, approda nell'assemblea cittadina la spinosa questione del centro servizi.

Il ritardo era stato chiesto da alcuni membri del gruppo di maggioranza al fine di acquisire un parere legale che confortasse la volontà della giunta di procedere all'approvazione della scheda urbanistica stralciando le osservazioni presentate dalla Giusti Costruzioni, l'impresa che aveva realizzato il complesso edilizio finito al centro dell'indagine di Elbopoli e poi abbattuto.

Una scelta che getterà ulteriore benzina sul fuoco dello scontro fra l'amministrazione comunale e la ditta edile e che porterà con tutta probabilità a uno scontro legale, da qui la volontà di consultarsi con un legale per valutare gli effetti a medio e lungo termine della contesa.

"Il parere è arrivato e ha sostanzialmente confermato il nostro operato - commenta la sindaca Bulgaresi - la maggioranza è rasserenata dall'esito positivo degli incontri e come previsto procederemo per la nostra strada".

Confermando che nelle due settimane trascorse dallo scorso consiglio comunale non ci sono stati ulteriori contatti con i privati proprietari dei terreni (e del parcheggio antistante che ospita il mercato settimanale), Bulgaresi sta giocando in parallelo la partita per la rimozione delle macerie dell'ecomostro.

"L'ordinanza è scaduta quindi dobbiamo procedere noi con la rimozione - conclude - aspettiamo una riunione in Regione per stabilire le procedure corrette, penso che riusciremo ad avviare i lavori al più presto, questa comunque è la nostra volontà".

L'atto di sgombero è finito davanti al Tar, portato innanzi ai giudici amministrativi dall'azienda pistoiese e il giudizio di merito è ancora sospeso.

L'approvazione della scheda urbanistica è un passo necessario per la messa a disposizione dell'area al Genio civile per attuare il secondo lotto di lavori di messa in sicurezza idraulica, mentre per quello che riguarda il primo lotto e la parte terminale del fosso Vallegrande i lavori dovrebbero terminare in primavera.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità