comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 16°20° 
Domani 19°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 30 settembre 2020
corriere tv
Omicidio di Lecce, le tappe dall'uccisione di De Santis e Manta all'arresto del killer: la videoricostruzione

Attualità lunedì 13 gennaio 2020 ore 09:00

La suggestiva passeggiata sui sentieri dei profumi

Durante la passeggiata

Oltre 70 camminatori lenti alla scoperta degli antichi sentieri dell’Elba nord-occidentale. Crescente successo delle passeggiate invernali dei profumi



MARCIANA MARINA — La seconda passeggiata invernale dei profumi ha decretato un successo crescente dell’iniziativa di Legambiente realizzata in collaborazione con Acqua dell’Elba, Pro Loco di Marciana Marina e Parco nazionale dell’Arcipelago toscano: più di 70 persone si sono presentate il 12 Gennaio, sfidando una tersa ma pungente mattina, al Moletto del Pesce di Marciana Marina per affrontare l’anello di circa 7 chilometri – per molti del tutto o in parte sconosciuto – che da Marciana Marina risale Val di Cappone, per poi raggiungere La Conca (Maciarello) ridiscendere alla Cala e ritornare alla Marina.

La partenza da Marciana Marina

Una camminata lenta, come spiegano da Legambiente Arcipelago toscano, punteggiata di soste, racconti e aneddoti, che ha portato gli escursionisti a riscoprire la bellezza e i secoli di fatica umana che hanno plasmato Val di Cappone con in suoi minuziosi muretti a secco a difesa e sostegno di orti e vigne ornai scomparsi e le Vigne dello Zega, dove la sosta è stata l’occasione per rendere omaggio alla memoria di Giovanni Petri – recentemente scomparso – e Mario Mazzantini che quel luogo magico lo hanno custodito e salvato negli ultimi anni della loro vita.

Altra sosta alle Quattro Vie, scavate nel caolino affiorante e che ancora esistono grazie alla battaglia di Legambiente negli anni ’90 – sostenuta dai comuni di Marciana Marina e Marciana – per evitare la realizzazione di una miniera a cielo aperto che da Marciana avrebbe dovuto discendere fino alla Cala.

Poi un agevole sentiero ha portato i trekker slow, lungo l’antica strada del vino, fino al cosiddetto “pontino romano” e alla sua magnifica cascata dove vivono le raganelle grigie: un arco di mattoni che sfida la gravità e il tempo dove la cascata precipita, trasformandosi subito dopo in un laghetto dove fanno il bagno i cinghiali.

Raggiunta la Conca, una rapida e ripida discesa ha portato nuovamente gli escursionisti ad attraversare il fosso della Cala ornato da grandi esemplari di Osmunda regalis, la felce primitiva che divideva l’antica terra con i dinosauri, per raggiungere la Cala dove, sugli scogli bagnati dalle onde e da un tiepido sole, i camminatori hanno consumato un meritato pranzo al sacco. La spiaggia della Cala ha riservato anche una graditissima sorpresa: dopo le denunce di Legambiente – sostenute dalla Pro Loco – è stata bonificata la vera e propria discarica di rifiuti, vecchie barche e pericolose tettoie di lamiera e la spiaggia è finalmente ordinata e pulita. 

Spiaggia de La Cala

Anche per questo, spiegano da Legambiente, per ringraziare il Comune di Marciana Marina e la Capitaneria di Porto dell’intervento di bonifica, i trekkers, prima di andarsene, hanno ripulito la spiaggia dai – fortunatamente pochi – rifiuti portati dal mare.

La risalita verso Marciana Marina ha costeggiato la spiaggetta – resa inaccessibile da privati - della Baronessa (che apparteneva alla famiglia reale olandese) e poi il magnifico sentiero costiero della Cala che qualcuno avrebbe voluto trasformare in una strada carrabile. Altra sosta, ormai diventata obbligatoria, al belvedere di Punta della Madonna da dove, nonostante il polveroso sole di gennaio, lo sguardo spaziava fino alla Corsica e Gorgona. E poi tutti giù tranquilli lungo la strada asfaltata, scambiandosi chiacchiere e impressioni fino alla Torre di Marciana Marina, per un meritato caffè o per, come hanno fatto in diversi/e, iscriversi o ri-iscriversi a Legambiente.

Il prossimo appuntamento – richiesto a furor di popolo – sarà probabilmente la Festa d’inverno di Legambiente: la data è ancora da definire ma il luogo sembra certo Fonte di Zeno, l’antica fattoria nascosta tra castagni e lecci tra Poggio e Lavacchio, recentemente restaurata e trasformata in uno dei posti più belli, nascosti e sorprendenti dell’Isola d’Elba. Un'iniziativa per la quale, visto il grande successo di partecipazione ottenuto, Legambiente ha espresso ringraziamenti a tutti i partecipanti.



Tag
 
Orario voli Silver Air Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica