Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:33 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 03 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Pensioni, la legge Fornero è sempre valida? I consigli di Alberto Brambilla per chi ha maturato i requisiti

Politica mercoledì 08 giugno 2016 ore 18:05

La sinistra in Regione contro il porto marinese

​Porto turistico di Marciana Marina, Fattori e Sarti: "Nostra mozione per respingere il progetto, sarebbe uno scempio ambientale"



MARCIANA MARINA — "Non esistono buone ragioni per la realizzazione del nuovo porto turistico di Marciana - dichiarano Tommaso Fattori e Paolo Sarti, Consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra - se non quella di assecondare limitati interessi economici di pochi soggetti. Marciana Marina è una realtà di grande pregio ambientale, sottoposta a vincolo paesaggistico, meta di un turismo che in quel luogo cerca proprio la grande armonia delle bellezze naturali e dell’architettura. Il nuovo porto porterebbe, invece, una pesante cementificazione, con un radicale cambiamento della visuale del paese dal mare e una balneazione a ridosso dell’imboccatura del porto. Non è mai stato fatto nemmeno un plastico valutativo dell’impatto futuro rispetto al panorama, un’assoluta anomalia in casi di questo tipo".

"Tutta la procedura di scrittura e approvazione del progetto non ha mai visto un reale confronto con la cittadinanza - dichiarano i due consiglieri - un confronto che sarebbe stato necessario per far emergere un punto di vista complessivo sull'effettiva capacità di ricezione del centro abitato, innanzitutto rispetto alla rete fognaria e alla capacità di depurazione delle acque, ma anche per far emergere le reali necessità e i bisogni degli operatori locali e degli abitanti. La conseguenza di questa incapacità di confronto con gli abitanti è che si è costituito un Comitato contrario al progetto con ben 500 iscritti in un paese piccolo come Marciana Marina. Si dice che sia obbligatorio un gestore unico della struttura, ma questo non è vero. Un simile sistema porterà alla disgregazione di un tessuto economico fatto di piccoli operatori della nautica, della balneazione e del turismo".

"Non si è tenuto conto delle osservazioni presentate dai cittadini stessi, dalle forze di opposizione di sinistra e nemmeno dai tecnici della Regione Toscana, mentre il Ministero dell’Ambiente nella VAS del 2014 ha fatto rilevare un’insufficienza della documentazione basilare per comprendere il piano, esprimendo il dissenso alla realizzazione di opere di cemento in mare e in corrispondenza della spiaggia. Non è stato neppure adeguatamente valutato l’impatto rispetto ai litorali vicini in termini di erosione costiera, quando la vicenda del porto di Cecina avrebbe dovuto insegnarci molto da questo punto di vista".

"A chi giova tutto ciò? Lo chiediamo all’amministrazione di Marciana Marina - concludono Fattori e Sarti - nel frattempo, nella mozione che abbiamo presentato, chiediamo che il Consiglio regionale verifichi il rispetto dei passaggi formali di approvazione del progetto e si assuma la responsabilità politica di respingere un’idea così folle". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un'allerta meteo per le prossime ore. Ecco nel dettaglio le previsioni meteo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Sport

Attualità