Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:32 METEO:PORTOFERRAIO13°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Senza figli l'Italia è destinata a scomparire, aiutare le coppie prioritario»

Attualità martedì 16 marzo 2021 ore 17:39

Elba zona bianca, le condizioni per Legambiente

L'associazione ambientalista appoggia le richieste dei pediatri elbani: "Necessarie vaccinazioni e controlli su chi arriva sull'isola".



MARCIANA MARINA — "Per quanto riguarda la proposta di “Elba zona bianca” avanzata dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, Legambiente concorda con le ragioni e le proposte espresse dai pediatri elbani Fabio Berni, Alberto De Fusco e Laura Pertici (leggi qui l'articolo)".

Si apre così una nota di Legambiente Arcipelago toscano.

Secondo Legambiente per "un Arcipelago Toscano 'zona bianca' solo in assoluta sicurezza: sarebbe sicuramente un riconoscimento di grande valore e permetterebbe a bambini e ragazzi di tornare a una frequenza regolare della scuola e delle attività ludiche, delle quali hanno assolutamente bisogno per riprendersi da un periodo che rischia di trasformarsi in un diffuso disagio infantile, adolescenziale e giovanile. Inoltre, nella terza isola italiana anche solo la possibilità di movimento della popolazione residente servirebbe a dare ossigeno alle imprese, a partire da bar, ristoranti, pubblici servizi e centri per l’attività sportiva, messe in ginocchio dalle restrizioni".

"Ma perché – indipendentemente da come la si pensi sui vaccini - un'isola sia veramente Covid-free e sia davvero una occasione per qualificare l'ambiente e l'offerta turistica, - prosegue Legambiente - sono necessarie e imprescindibili condizioni di garanzia (vaccinazioni e controlli). Chi, come qualche esponente politico, sponsorizza la forma senza guardare alla sostanza espone tutti a un doppio pericolo".

"Una zona bianca senza protezioni sarebbe un richiamo incontrollato tipo sirene di Ulisse e ci metterebbe in una situazione di rischio per la nostra salute e per l'economia turistica. - aggiunge Legambiente - Il rischio per l'economia sarebbe essere zona bianca di Aprile, zona rossa a Luglio e viola scuro o nera in autunno. Non a caso, sia le altre isole italiane che puntano a dichiararsi Covid-free che le isole greche e le Canarie che stanno avendo accesso privilegiato ai vaccini, puntano sia su una rapida vaccinazione di massa della popolazione, dei lavoratori pendolari e degli operatori e lavoratori del turismo, sia di una richiesta di un forte controllo dei turisti e proprietari di seconde case che accederanno alle isole, ai quali verrà richiesto quello che può essere definito un 'passaporto Covid-free' ”.

"La vediamo davvero dura, visto che aspettiamo ancora che le amministrazioni comunali elbane applichino davvero le delibere plastic-free approvate nel 2019 e che la Regione Toscana faccia rispettare davvero le sue normative contro la plastica monouso nelle località turistico/balneari e mentre invece l’inquinamento da plastica si aggrava a terra e a mare a causa dei dispositivi anti-Covid", conclude Legambiente.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità