Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:18 METEO:PORTOFERRAIO14°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 21 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
L’ala dell’aereo si danneggia in volo: ancora problemi negli Usa per un Boeing costretto ad atterraggio di emergenza

Attualità mercoledì 07 febbraio 2024 ore 14:08

"Salviamo Marina, l'indomanile pecora"

Legambiente Arcipelago Toscano lancia un appello per riuscire a trovare il modo di spostare la pecora in un luogo più sicuro



MARCIANA MARINA — Da diversi giorni nello slargo che si apre sulla strada provinciale prima della strettoia della Crocetta e della spiaggia dell’Anime e a pochi passi dal magnifico belvedere che apre la vista su Marciana Marina, Capraia e il massiccio del Capanne, ha fatto la sua comparsa una pecora, un esemplare bello e in salute, che probabilmente è lo stesso che nei mesi scorsi brucava l’erba nelle campagne marinesi di San Giovanni e che ora ha trovato rifugio in questo fazzoletto di terra con un panorama magnifico ma dove corre – e rappresenta quando attraversa la strada per guardare il mare – un grosso pericolo. Anche perché ora si rifugia dietro i grossi mezzi meccanici che stanno realizzando lavori lungo la strada provinciale e a volte attraversa la strada senza troppe cautele.

Lo segnala attraverso una nota Legambiente Arcipelago Toscano.


Come spiega una socia di Legambiente Arcipelago Toscano, "Curiosa di saperne di più, ho contattato i vigili di Marciana Marina, che mi hanno raccontato delle peripezie di questa pecora avvenute negli ultimi mesi. La protagonista è presente nella zona da luglio e, sin da allora, nessuno è riuscito a prenderla per trasferirla in un luogo sicuro. Nonostante gli sforzi di vigili, che hanno interessato anche esperti, nessuno è riuscito a catturarla per metterla al sicuro".


"Nel frattempo, la pecora continua la sua solitaria e rischiosa vita "vista mare", ma con cibo garantito da chi l’ha in qualche modo adottata e l’ha ribattezzata con il nome ovvio ma azzeccato di Marina. - prosegue la nota del Cigno Verde - Legambiente, naturalmente, sta dalla parte di Marina che ha riconquistato la sua libertà, forse sfuggendo a un destino segnato o a un piccolo gregge poco avventuroso, qualcuno dice che forse faceva parte del delle pecore che ha partecipato alle riprese di uno degli episodi del “Bar Lume”. Ci piace questa pecora che ama la libertà ma che si è trovata senza volerlo confinata in un fazzoletto di terra stretto tra una parete di roccia scoscesa, la pericolosa strada provinciale che lì curva e si stringe, gli scogli a picco su un mare blu che parla di territori sconfinati che dall’isola arrivano al continente e all’orizzonte"

"La coraggiosa pecora Marina che esce dal gruppo e sfugge alla cattura ci piace parecchio, ma è per questo, per portarla in un luogo dove possa vivere tranquilla, che Marina va liberata da quell’area angusta e pericolosa. Va cercata una soluzione, magari utilizzando chiusini come quelli del Parco Nazionale o altri strumenti indolori e che evitino di stressare Marina, per trovare una soluzione che soddisfi le esigenze della pecora e garantisca l’incolumità sua e degli automobilisti", conclude Legambiente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco i risultati dei controlli effettuati recentemente dai carabinieri sul territorio elbano per garantire la sicurezza sulle strade
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità