Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:23 METEO:PORTOFERRAIO16°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 21 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Attualità venerdì 11 marzo 2022 ore 08:04

"Frantumi", raccolta poetica di Girolama Cuffaro

Dalla copertina del libro

Le poesie sono state scritte all'isola d'Elba fra gli anni ottanta e novanta. Lusinghieri i commenti di Ernesto Ferrero e Roberto Pazzi



MARCIANA — Sarà a breve in tutte le librerie elbane il volume di poesie Frantumi, scritto da Girolama Cuffaro Ferruzzi ed edito da Persephone Edizioni. La raccolta di poesie è stata composta all’isola d’Elba tra gli anni Ottanta e Novanta del Novecento.

Girolama Cuffaro Ferruzzi, archeologa, è figlia dello scultore Silvestre Cuffaro e della pittrice Pina Calì, rappresentativi artisti siciliani degli anni Trenta. Naturalizzata elbana, moglie dell’architetto Paolo Ferruzzi, è autrice di molti dipinti parietali tra i quali spiccano quelli di "Una tenda per l’anima", pubblicati sulla rivista "Abitare all’Elba", e di numerosi restauri pittorici per case private e per chiese tra le quali la Cappella della Madonna delle Grazie a San Piero e la Cappella di Santa Filomena a Pomonte, con la collaborazione del figlio Silvestre.

Le poesie di "Frantumi" sono state apprezzate da illustri scrittori contemporanei come Roberto Pazzi ed Ernesto Ferrero; quest’ultimo vi ha notato "una non comune percezione/comprensione della vecchiaia, un costeggiare la morte senza estenuazioni o compiacimenti o languori, che non è romantico o teatrale o barocco, ma greco", con "una sorta di remake autobiografico, che privilegia immagini, situazioni, paesaggi di classica compostezza, caricati di una forte componente simbolica. Sono dei flash rappresentativi volutamente fissi nell’immobilità delle loro superfici, un qualcosa che assomiglia al bassorilievo, siano essi il conforto che viene dalla contemplazione di paesaggi sentiti come familiari o fraterni, o i teneri medaglioni dedicati ai figli". 

La poesia "Facciamo un gioco"– che secondo Roberto Pazzi "è così bella che ho dovuto riscriverla: ch’è un modo tutto particolare di leggerla, quasi per impararla a memoria"– riassume totalmente l’essenza dell’autrice: "Chiudi gli occhi, mamma, facciamo un gioco! Chiudili per vero e quando ti dico io li apri!” Che gioco bello, amore, da giocare sempre e per sempre all’infinito, oltre quel giorno amaro che al tuo battito di mani obbedire non potrò, né mi potrai svegliare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha diramato un bollettino con codice giallo per le produzioni 24 ore. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Lavoro

Attualità

Attualità