Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:32 METEO:PORTOFERRAIO16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gilda Sportiello, deputata 5stelle alla Camera: «Ho abortito e non me ne vergogno»

Attualità mercoledì 27 dicembre 2023 ore 08:25

Fosso di Pomonte, progetto per la sicurezza

Il fosso di Pomonte
Foto di: Michele Giunti

Collaborazione fra Comune di Marciana e Parco Nazionale Arcipelago Toscano per il progetto di messa in sicurezza



MARCIANA — Ai blocchi di partenza la progettazione per riqualificare il fosso di Pomonte. Di questo si è discusso nel pomeriggio di mercoledì scorso, 20 Dicembre, durante l’incontro con la cittadinanza organizzato nell’omonima frazione alla presenza degli Amministratori del Comune e del Parco, nonché dei tecnici impegnati in questa nuova iniziativa. 

Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ed il Comune di Marciana hanno confermato l’ennesima forte collaborazione finalizzata alla riqualificazione del territorio e, nel caso specifico, hanno illustrato gli interventi che verranno realizzati con i finanziamenti del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, dedicati a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, che l’Ente Parco è stato in grado di intercettare attraverso un bando destinato ai Parchi Nazionali. 

Dopo gli interventi dedicati al recupero dei castagneti marcianesi, questa nuova progettualità – per un importo complessivo lordo pari a 921.100 euro – ha come obiettivo il ripristino della funzionalità ecologica di un tratto del fosso di Pomonte posto nelle vicinanze dell’abitato, allo scopo di ridurre il rischio idraulico del bacino idrografico, particolarmente vulnerabile. Sulla base delle linee tecniche impostate e illustrate dal progettista Maurizio Bacci, la sistemazione dell’alveo avverrà utilizzando tecniche di ingegneria naturalistica, a minor impatto paesaggistico e ambientale, utili a favorire il riequilibro idrogeologico e a creare una maggiore variabilità morfologica, a sostegno della rinaturalizzazione del corso d’acqua.

Oltre a questi interventi più strutturali, una parte delle attività riguarderà il contrasto alla crescita e alla diffusione del canneto, denso ed esteso sull’intero tratto terminale del fosso. Le canne, una specie aliena invasiva (Arundo donax), contribuiscono in modo sostanziale all’aumento del rischio idraulico per l’enorme massa di detriti vegetali secchi che possono ostruire gravemente il regolare deflusso delle acque nei picchi di piena. Inoltre, questa specie infestante impedisce la crescita della vegetazione ripariale nativa, i popolamenti ad ontano nero, albero capace di rispondere al meglio ai requisiti di adattabilità, resistenza e resilienza al contesto climatico.


Oltre a contribuire positivamente in termini di miglioramento delle condizioni idrauliche del fosso, si stima che con il tempo si potrà registrare il miglioramento strutturale e funzionale di questo ecosistema, con un aumento della capacità di immagazzinare CO2, altro principale obiettivo della strategia globale sui cambiamenti climatici.
Nel corso dell’incontro con la popolazione sono state fornite informazioni non solo sugli obiettivi dell’iniziativa, ma anche relativamente alle tempistiche della fase progettuale (appena avviata) e della fase esecutiva, nonché alle modalità operative che verranno adottate, per le quali è stata richiesta una fattiva collaborazione da parte dei frontisti.


Molto positiva la risposta delle persone che hanno partecipato alla presentazione e che hanno fornito preziosi suggerimenti, molto utili ai progettisti per mettere a punto gli interventi puntuali sopra elencati.
Soddisfatti il Sindaco Simone Barbi e la Vicesindaca Susanna Berti, che hanno apprezzato il lavoro svolto dal Direttore e dai tecnici dell’Ente Parco, e il Presidente del Parco Giampiero Sammuri che, dopo aver ringraziato per i contributi emersi nel corso della riunione, ha dato appuntamento agli abitanti di Pomonte per ulteriori importanti iniziative che, nel corso del 2024, interesseranno questa porzione del territorio, compreso nel perimetro del Parco Nazionale, alle falde del Monte Capanne.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ruggero Barbetti, già sindaco e vicesindaco di Capoliveri, interviene per fare chiarezza sulle vicende giudiziarie in corso sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Sport

Sport