Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:48 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Politica giovedì 03 giugno 2021 ore 13:45

Campo Lo Feno, "scaricabarile tra istituzioni"

Marco Landi, consigliere regionale della Lega

Il consigliere regionale della Lega Marco Landi insoddisfatto della risposta che ha ricevuto la sua interrogazione da parte della Regione



MARCIANA — Riguardo ai lavori per ripristinare la strada provinciale 25 nella zona di Campo Lo Feno, il consigliere regionale della Lega Marco Landi dichiara: “Un inaccettabile scaricabarile tra istituzioni lungo oltre sei mesi. E a pagare le conseguenze sono gli abitanti dell’Elba, per mesi costretti ad allungare di chilometri la strada a causa dei mancati interventi dopo la frana del 15 novembre 2020, e che per altri mesi dovranno subire ulteriori disagi. In quale altra parte della Toscana sarebbe stata tollerata una situazione simile?”

Così il consigliere regionale della Lega Marco Landi commenta la risposta ad una sua interrogazione sui lavori sull’anello occidentale della strada provinciale 25, nel comune di Marciana.

“Ci vorrà un altro anno e mezzo prima che l’anello occidentale della strada provinciale 25 nel Comune di Marciana venga riaperto totalmente. - prosegue Landi - Nel frattempo chi si trova a dover raggiugere le due zone collegate da quel tratto di strada dovranno convivere con il disagio di un senso unico alternato, predisposto pochi giorni fa. Questo perché la richiesta di attivare le procedure per lo stato di emergenza, da me sollecitata sin da subito e avanzata dalla Provincia di Livorno, è stata respinta dalla Regione, causando un rallentamento nei lavori di cui gli elbani pagano le conseguenze".

"Nel corso di questi mesi la Giunta regionale ha dimostrato di non tenere in considerazione le legittime esigenze dei cittadini elbani: non un sopralluogo dell’assessore, né una presa di posizione chiara. Solo la richiesta che mi è stata rivolta di ritirare la mozione che avevo presentato per accelerare gli interventi, con la garanzia che nel giro di poco tempo sarebbero state stanziate le risorse e partiti i lavori. I fatti parlano chiaro: i lavori partiranno otto mesi dopo la frana e termineranno probabilmente a due anni di distanza. Nel frattempo solo una soluzione estemporanea e che rappresenta il minimo, come un semaforo regolatore del senso unico alternato, allevierà i disagi della popolazione. Come ebbi a dire in occasione della manifestazione di protesta: anche l’Elba è in Toscana. Qualcuno pare ricordarsene solo quando fa comodo”, conclude Landi.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Protezione civile regionale ha emesso un avviso meteo per forte vento di Scirocco e mareggiate sull'Arcipelago e la costa sud della Toscana
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità