Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PORTOFERRAIO12°17°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Attualità martedì 22 gennaio 2019 ore 08:14

Lezione di robotica con un genio del cubo di Rubik

Durante le lezioni di robotica
Foto di: Michele Intorcia

Si è svolto a Porto Azzurro un corso per alunni e docenti con gli esperti Niccolai di Pistoia e Santarsiero, recente vincitore di Superbrain su Rai 1



PORTO AZZURRO — Un corso estremamente interessante durato tre giorni e rivolto ad alunni e docenti si è svolto all’Istituto comprensivo di Porto Azzurro con quei piccoli robot della Lego dalle sembianze meccaniche e animali, mentre smontavano e riprogrammavano gli androidi durante il corso di alta formazione organizzato dalla docente di matematica e scienze Vanda Fabbri e la dirigente scolastica Lorella Di Biagio.

A condurre i laboratori c’erano due docenti d’eccezione: il professore Riccardo Niccolai, dell’Itt Fermi di Pistoia, promotore in Toscana della rete di scuole per la robotica, spesso invitato anche negli Usa, e Simone Santarsiero, informatico pistoiese di 28 anni, recentemente vincitore di Superbrain, il talent televisivo dedicato alle abilità della mente umana che va in onda su Rai Uno.

Simone Santarsiero a Superbrain

La speciale dote di Simone, insieme alla conoscenza della robotica, è infatti quella di risolvere il cubo di Rubik in pochissimi minuti. Nella sfida Tv dell’11 Gennaio scorso, il giovane ricercatore ha utilizzando 100 cubi di Rubik per riprodurre il volto di Elisabetta Canalis in appena dieci minuti, memorizzando il volto della showgirl in soli 30 secondi.

Lo scorso anno infatti la dirigente Di Biagio ha firmato l’accordo di rete con l’istituto Fedi-Fermi di Pistoia.

"Sono orgogliosa per come docenti e alunni abbiano partecipato a questa sfida di innovazione didattica e di lavoro di squadra; - ha commentato Di Biagio - è stata un’esperienza che vuole essere solo l’inizio di un percorso. Educare al pensiero computazionale fin dalla scuola dell’infanzia significa dare un’opportunità di offerta formativa di alta qualità ai nostri alunni al fine di moltiplicare quelle esperienze che ampliano il pensiero critico, lo spirito di gruppo e il ragionamento logico".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ritrovamento è avvenuto nella mattinata intorno alle 8 ed è stato segnalato da un surfista che si trovava nella spiaggia di Lacona
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Politica

Attualità