Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PORTOFERRAIO13°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 20 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Scurati, Landini: «Oscurato monologo sul 25 Aprile, questo è regime»

Attualità sabato 02 marzo 2024 ore 10:15

Tartarughe marine, convegno nazionale all'Elba

Grazie alla nidificazione da record dello scorso anno l'isola sarà per due giorni l'isola delle tartarughe marine. Ecco il programma



ISOLA D'ELBA — Dopo le deposizioni record del 2023, l’isola d’Elba è diventata l’area della Toscana preferita dalle tartarughe marine Caretta Caretta nella loro ricerca di nuovi nidi più a nord, spinte dal mare che si riscalda.

Un arrivo sulle spiagge elbane iniziato con la prima eccezionale nidificazione della tartaruga Federica a Marina di Campo nel 2017, come spiega Legambiente in una nota, che ha dato il via a un’attività di volontariato per la ricerca delle tracce e sorveglianza e cura dei nidi di tartarughe marine che ha coinvolto centinaia di volontari e che è diventata, grazie alla partecipazione di ricercatori, di ARPAT e al sostegno del Parco Nazionale Arcipelago Toscano e dei Comuni interessati e di alcuni operatori turistici, una splendida occasione di citizen science e conoscenza per migliaia di turisti. 

Una rete curata e ricucita quotidianamente da Isa Tonso, responsabile del progetto tartarughe di Legambiente Arcipelago Toscano e del Parco Nazionale, e che fa parte del grande progetto europeo Life TurtleNest, coordinato da Legambiente nazionale e che vede la partecipazione di Arpat, Beta, CestMed, Ente Nazionale della Cinofilia Italiana-Enci, Ispra Regioni Campania, Lazio e Puglia, Università La Sapienza Roma, Stazione Zoologica Anton Dohrn e Universitat de Barcelona, mentre a livello regionale i dati raccolti da volontari e ricercatori confluiscono nel progetto NatNet di Regione Toscana a cui partecipano attivamente le tre università di Pisa, Siena e Firenze insieme a Istituto Zooprofilattico e Arpat. 

Un meccanismo da gestire con cura, che è riuscito a far finire le schiuse dei nidi elbani sui maggiori giornali e televisioni italiani e di mezza Europa ma che ha anche evidenziato i grandi rischi che corrono questi antichissimi e pacifici rettili e i loro cuccioli sulle spiagge e che si spingono sempre più a nord a causa del cambiamento climatico. 

Per questo il destino delle tartarughe marine che hanno scelto l’Elba come loro nuova “casa” è importante. perché ci parla del nostro futuro e di quello dell’economia turistica delle isole. Salvare le tartarughe marine, diventare un’isola davvero amica delle tartarughe è un investimento nel futuro e – come hanno dimostrato questi ultimi anni – anche un’assicurazione per un turismo sostenibile che curi le spiagge per le tartarughe e per gli esseri umani. Per vivere meglio tutti e tutte. 

Per questo Legambiente Arcipelago Toscano, in collaborazione con Parco Nazionale Arcipelago Toscano e Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (Arpat) organizza per venerdì 8 Marzo, a partire dalle ore 14,30 alla Gattaia a Portoferraio il convegno “Dall’isola delle tartarughe all’Elba amica delle tartarughe”, iniziativa che riunirà i protagonisti elbani, toscani e nazionali di questa splendida avventura scientifica ed umana e che affronterà i problemi emersi con le nidificazioni delle tartarughe ma anche le possibilità e l’occasione di migliorare il nostro rapporto con mare e spiagge che ci regalano queste bellissime visitatrici e i loro piccoli. 

Un convegno che sarà concluso con il Tartaperitivo dell’8 Marzo, per festeggiare le tartarughe e le volontarie che se ne prendono cura. E alle volontarie e i volontari (ma anche ai curiosi) è dedicata anche il corso di formazione “Come riconoscere le tracce di tartaruga marina – Tutela delle tartarughe nidificanti, sorveglianza dei nidi e della schiusa” che si terrà sabato 9 Marzo, dalle 11 alle 13 al Centro di Educazione Ambientale Dune di Lacona, Lacona (Comune di Capoliveri).

Alle due iniziative sono invitati volontarie/i, amministratori comunali, gestori di concessioni balneari, operatori turistici, guide ambientali e chiunque sia curioso e interessato alle tartarughe marine che hanno scelto l’Elba come loro nuovo nido.

Ecco il programma completo delle iniziative:
Venerdì 8 Marzo, ore 14,30 La Gattaia – Portoferraio “Dall’isola delle tartarughe all’Elba amica delle tartarughe” Isa Tonso, responsabile progetto Tartarughe Arcipelago Toscano, “Le tartarughe marine all’Elba: volontariato e citizen science e problemi da affrontare”, Maurizio Burlando, direttore Parco Nazionale Arcipelago Toscano, “Il Parco Nazionale e il progetto tartarughe marine”, Marco Alberto Luca Zuffi, erpetologo del Museo di Storia Naturale di Calci, Università di Pisa “Nidifico con difficoltà ma nidifico. Ovvero, la riproduzione di Caretta caretta nel 2023”, Letizia Marsili docente presso Dipartimento Scienze fisiche, della Terra e dell’ambiente, Università di Siena, “Può la contaminazione ambientale influire sul successo di schiusa? Risultati preliminari sui nidi della Toscana”, Elena Maggi, biologa marinaz docente Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa, "Inquinamento luminoso notturno e ambienti marini costieri: cosa ne sappiamo e cosa ci chiede l'Europa?", Fulvio Maffucci, Tecnologo, Dipartimento di Conservazione Animali Marini e Public Engagement Stazione Zoologica Anton Dohrn (SZN) "Abbassiamo le luci per salvare i nidi di tartaruga marina: l'intervento pilota del progetto LIFE TURTLENEST", Valentina Mennona - Osservatorio Toscano per la Biodiversità,  “L’impegno della Regione nella tutela della natura e del mare”Antonio Melley e Cecilia Mancusi, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana, “L’importanza di Arpat nel monitoraggio della biodiversità marina”  Antonino Morabito, Responsabile nazionale Cites e Benessere animale, Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità Legambiente Nazionale, “Il progetto TurtleNest, Legambiente per le tartarughe marine”. Conclusioni:bGiampiero Sammuri, presidente Parco Nazionale Arcipelago Toscano, coordina il dibattito Umberto Mazzantini, responsabile mare Legambiente Toscana.

Tartaperitivo dell’8 Marzo, per festeggiare le tartarughe e le volontarie che se ne prendono cura

Sabato 9 Marzo, Centro di Educazione Ambientale Dune di Lacona, Lacona – Capoliveriore 11, 00 – 13,00 Corso di formazione per volontarie e volontari (i curiosi sono ben accetti)Come riconoscere le tracce di tartaruga marina – Tutela delle tartarughe nidificanti, sorveglianza dei nidi e della schiusa Partecipano: Isa Tonso, responsabile progetto Tartarughe Legambiente e Parco Nazionale Marco Alberto Luca Zuffi, erpetologo del Museo di Storia Naturale di Calci, Università di PisaCecilia Mancusi, Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana.

Per informazioni e prenotazioni contattare la segreteria organizzativa: 3407113722 – legambientearcipelago@gmail.com.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Provincia di Livorno fa sapere che si sono concluse le operazioni di collaudo del tratto di strada che collega Rio Elba con Rio Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

DISSALATORE