Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:23 METEO:PORTOFERRAIO18°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La torcia olimpica brilla sul red carpet del Festival di Cannes

Attualità martedì 29 agosto 2023 ore 15:00

Lacona, 89 in tutto le tartarughine nate

Un altro nido eccezionale all’Isola d’Elba con il 95% di successo di uova schiuse. Solo 5 uova non si sono chiuse



CAPOLIVERI — Le volontarie e i volontari di Legambiente erano molto preoccupati che nel nido di Lacona, sotto le onde della mareggiata che in questi giorni ha colpito l’Isola d’Elba, fossero rimaste delle piccole tartarughine di Caretta Caretta.

Ma i piccoli rettili si sono rivelati molto previdenti e, forse sentita arrivare la tempesta, si erano precipitati davvero - salve qualche ritardatario dell’ultim’ora, ma sempre in tempo- tutte insieme fuori dal nido, come una comitiva frettolosa ma organizzata, per raggiungere il mare ancora calmo e illuminato da una luna calante. L’unico disturbo un massiccio inquinamento luminoso.


A certificare quello che è un nuovo risultato eccezionale delle nidificazioni nell’Isola delle tartarughe sono stati oggi i ricercatori di ARPAT, dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Lazio e Toscana e delle università di Siena e Pisa che hanno scavato il nido laconese trovandoci dentro 89 uova schiuse, 5 uova intere e, fortunatamente, nessun piccolo morto. Un successo della schiusa quasi record: il 95%.


Tutti dati utilissimi per il progetto europeo LIFE Turtle Nest coordinato da Legambiente nazionale e al quale partecipa anche ARPAT come partner; a livello regionale i dati confluiscono nel progetto NatNet di Regione Toscana a cui partecipano attivamente le tre università di Pisa, Siena e Firenze insieme a Istituto Zooprofilattico e ARPAT.


Il successo del nido di Lacona è probabilmente dovuto all’istinto primordiale di questi rettili antichissimi, che nuotavano insieme ai dinosauri, che hanno visto il mondo cambiare più volte prima che comparissero gli uomini e che ora, fuggendo dal riscaldamento globale, sono approdati su un’isola dove volontari e volontarie le cercano durante albe clamorose e le proteggono mentre escono dal nido in notti stellate.


Se il nido di Galenzana è stato record, con 104 tartarughine nate, il nido delle sagge e previdenti tartarughine di Lacona è stato forse quello che più ha premiato l’impegno delle volontarie e dei volontari di Legambiente e del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, che temevano una piccola catastrofe e si sono trovati di fronte a un nuovo miracolo della natura, che salva e si mette in salvo.


Un miracolo che fa sperare anche per la prossima schiusa a Fetovaia e che permettere di guardare con un po’ più di fiducia ai nidi a rischio di Marina di Campo, l’Innamorata e Marciana Marina.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Persona conosciuta anche in tutta l'isola aveva un legale particolare col paese di Marciana Marina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Lavoro

Attualità

Attualità