Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:PORTOFERRAIO14°16°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 14 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Gaza, l'esercito israeliano attacca con forze aeree e truppe via terra

Politica giovedì 10 dicembre 2020 ore 18:30

Comune unico Elba, la nuova proposta di legge

cartina dell'isola d'Elba

I promotori hanno inoltre dichiarato: "Abbiamo firmato a titolo individuale. Nessuno di noi nutre velleità politiche o è mosso da interessi personali"



ISOLA D'ELBA — Elba in Comune, comitato per il Comune unico dell'isola d'Elba ha reso noto il testo della proposta di legge di iniziativa popolare che nei giorni scorsi ha dato l'avvio al percorso che porterà ad un nuovo referendum nel quale i cittadini elbani saranno chiamati ad esprimere la loro opinione.

Il Comitato nel presentare il nuovo testo della proposta di legge, modificato per poter passare il vaglio della presidenza del Consiglio regionale ha inoltre spiegato che proprio la Regione Toscana vanta una storia di progresso nei diritti civili e così la storia dell'uomo "Un continuo ed inarrestabile divenire, che anche nell’attualità non si può esimere dall’esprimere esigenze di mutamenti al passo con i tempi. Ed è esattamente in quest’ottica che qui sulla nostra isola, già da diversi anni sta maturando tra buona parte della popolazione la consapevolezza dei limiti rappresentati da una eccessiva frammentazione amministrativa. Limiti che rallentano notevolmente lo sviluppo sociale, infrastrutturale ed economico del territorio, caratterizzato da una forte vocazione turistica improntata alla sostenibilità e valorizzazione ambientale".

"Per questo motivo, hanno spiegato da Elba in Comune riteniamo che i tempi siano ormai maturi per mobilitarci tutti, al fine di dare un assetto più moderno e dinamico alla governance della nostra isola, in grado di rispondere alle grandi sfide del futuro. Occorre cambiare passo, avere uffici più rapidi e professionalizzati per le questioni comprensoriali che riguardano tutta l’isola, come opere infrastrutturali e servizi pubblici. Non è più tollerabile continuare a parlare da anni immemori di un aeroporto che va adeguato, di strade da terzo mondo, di una sanità insufficiente, di collegamenti marittimi discutibili, di porti e approdi da migliorare, ecc. ecc".

"Brutto a dirsi, -hanno affermato dal Comitato - ma mentre noi ci lamentiamo e arranchiamo a fatica, con progetti che si arenano soprattutto a causa delle tornate elettorali scaglionate nei singoli paesi, che vedono un frequente turnover amministrativo, i territori costieri a noi prospicenti stanno dando dimostrazione di saper viaggiare con maggiore rapidità e ampiezza di vedute".

Secondo Elba in Comune è quindi "arrivato il momento di incominciare anche noi tutti a chiederci quale futuro vogliamo riservare alla nostra isola, senza fare i perenni lamentosi, senza ragionare di pancia, ma riflettendo e guardando avanti", sottolineando che il loro auspicio è che questa volta a differenza del 2013 il referendum dia esito positivo. 

"A scanso di equivoci, - hanno inoltre spiegato i promotori della proposta di legge per il Comune unico - viste alcune amenità che si leggono in questi giorni sui vari blog e social locali, prive di qualsiasi fondamento, ci fa piacere precisare che come componenti del comitato fondatore abbiamo sottoscritto la proposta di legge di iniziativa popolare a livello strettamente individuale, mossi dalla ferrea convinzione che ciascuno di noi ha maturato sulla base delle proprie personali esperienze. Per inciso, nessuno di noi nutre velleità politiche o è mosso da interessi personali, non esistono paventate mire di potere o sottintese intenzioni manipolatorie. Tra di noi non ci sono legami particolari, se non un reciproco rapporto di stima e di condivisione di idee in merito alla semplificazione amministrativa. Siamo fermamente convinti che questa iniziativa debba partire dal basso, dai singoli individui, senza colori politici e connotazioni di alcun tipo, senza il patrocinio di organizzazioni, sigle e congreghe varie di cui ciascuno di noi può far parte. Questo cambiamento non è né di destra, né di sinistra, ma appartiene a tutti noi e soprattutto ai giovani che rappresentano il futuro".

In allegato pubblichiamo in pdf la proposta di legge, che come spiega il Comitato "prevede la fusione dei sette comuni con il mantenimento delle rispettive municipalità; i sindaci dei comuni oggetto di fusione, d’intesa tra loro definiranno l’organizzazione amministrativa provvisoria del Comune dell’Isola d’Elba e il relativo impiego del personale ad esso trasferito. Fino all’insediamento degli organi del Comune dell’Isola d’Elba a seguito delle elezioni amministrative, le funzioni degli organi di governo saranno esercitate in via provvisoria da un commissario. La sede definitiva del Comune dell’Isola d’Elba verrà individuata dai nuovi amministratori e, a nostro avviso, dovrà essere situata in zona centralizzata dell’isola per facilitarne il raggiungimento da ogni parte (Procchio, Lacona, Valdana ?)".

"Noi abbiamo fatto solo il primo passo, ora contiamo sulla massima partecipazione di tutti i cittadini che credono in questo cambiamento e vorranno divenirne parte attiva, con la costituzione dei comitati per la raccolta delle firme. Ci farà particolare piacere vedere la partecipazione dei giovani, che hanno tutto il diritto ed il dovere di essere protagonisti del loro futuro. Purtroppo, questi tempi di Covid ci impediscono di indire assemblee pubbliche, come ci sarebbe piaciuto fare per un democratico confronto, ma utilizzeremo comunque i mezzi che la tecnologia ci mette a disposizione per facilitare la circolazione di idee. Siamo tutti elbani!", ha concluso il Comitato Elba in Comune.

Il Comitato promotore è composto da: Stefano Fabio Martinenghi (Campo nell’Elba), Michele Mazzarri (Marciana), Pietro Murzi (Marciana Marina), Franca Rosso (Portoferraio), Massimo Correani (Porto Azzurro), Valter Giuliani (Rio), Guido Allori (Capoliveri) e Antonio Arrighi (Porto Azzurro).

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si tratta della Celleriite, nuova scoperta mondiale, che prende il nome da Luigi Celleri a cui è intitolato il museo mineralogico Mum di San Piero
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport