comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:20 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 01 dicembre 2020
corriere tv
La lezione di Burioni sull'immunità di gregge: «Vaccinarsi è un gesto di responsabilità civile, la libertà è un'altra cosa»

Attualità martedì 20 gennaio 2015 ore 17:08

I lavoratori Toremar si appellano a Renzi

Dopo Rossi, i lavoratori marittimi scrivono direttamente al Presidente del Consiglio Matteo Renzi per rassicurazioni sul futuro dell'azienda



PORTOFERRAIO — Nonostante le rassicurazioni ricevute dall'armatore sardo Franco Del Giudice, a cui la sentenza del Consiglio di Stato ha affidato il pacchetto di quote di Toremar, i lavoratori marittimi puntano in alto e chiedono sul tema un intervento del Presidente del Consiglio. Ecco il testo della lettera:

"Gentile Signor Presidente del Consiglio,

i lavoratori del mare Toremar M/T Aethalia si rivolgono direttamente a Lei per manifestare le proprie preoccupazioni e timori in merito alle conseguenze che potrebbe comportare la recente sentenza del Consiglio di Stato con la quale è stato accolto il ricorso della Toscana Navigazione Srl contro la Regione Toscana e Moby Spa per la privatizzazione della nostra Compagnia Toremar. 

Le varie tematiche esaustivamente esposte nelle precedenti comunicazioni dai singoli equipaggi e dai lavoratori tutti alla Stampa, alla Regione Toscana ed ai passeggeri saranno senza dubbio già a sua conoscenza e ne esprimiamo la nostra piena condivisione. E’ nostro scopo invece con questa nostra lettera esternarLe quanto segue:

Dopo un primo momento di dubbi, accompagnato a speranze di riuscita, che al momento del passaggio della nostra Compagnia al Gruppo Onorato abbiamo a suo tempo dovuto affrontare, siamo ora in grado di esprimere pienamente la nostra soddisfazione in relazione agli obbiettivi sino ad oggi raggiunti avendo l'attuale gestione creato i presupposti per poter svolgere le nostre mansioni di gente di mare con serenità, entusiasmo e rinnovata professionalità. Non c'è dubbio, quindi, che la nuova Toremar sia divenuta una bella realtà nel mondo delle Aziende che creano crescita e quindi occupazione

A tale proposito, vogliamo ricordarLe una Sua frase che ci ha molto colpito e che recitava così: "C'è l'Italia critica che si alza al mattino, schiaffeggia le nuvole e mette il broncio all'arcobaleno a chi non va bene nulla, c'è poi un'altra Italia che vuole uscire dalla crisi smettendo il coro di lamentele e delle litanie".

Ebbene, noi - col passaggio al Gruppo Moby - apparteniamo ora a quest'ultima Italia e visto che siamo "alla via" (come ci esprimiamo noi marittimi), perché rovinare tutto?

Signor Presidente, sappiamo bene che le nostre buone intenzioni sono poca cosa rispetto alle grandi e complesse decisioni che dovranno essere prese in merito di occupazione e più specificatamente quella del lavoro del mare in Toremar, ma con tutto ciò e nonostante ciò, vogliamo auspicare un suo personale intervento per una giusta soluzione dell'attuale stato di controversia tenendo presente le numerose ed univoche conferme sulla garanzia, efficienza e serietà dell'attuale gestione Toremar sia nell'ambito dell'economia Elbana che di tutta la nostra Toscana. Noi ne siamo consapevoli".



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Cronaca