QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 11°13° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 21 marzo 2019

Attualità mercoledì 09 settembre 2015 ore 11:31

Fortezze medicee, il tour dell'abbandono

Ospitiamo un interessante contributo di Giacomo Giovinazzo (Elbareport) che mostra lo stato di abbandono e degrado in cui versano le fortezze medicee



PORTOFERRAIO — "Buongiorno, benvenuti a questa visita guidata delle Fortezze Medicee, costruite per volere di Cosimo I, Granduca di Toscana e con il consenso di Carlo V, Re di Spagna. La costruzione prese inizio nel 1548: il sistema di fortificazione fu progettato dagli architetti Bellucci e Camerini.

Ma bando alle ciance, iniziamo la visita. Partiamo subito con il primo bastione in cui ci imbattiamo, chiamato "Bastione Basso della Cornacchia": sin da qui potete ammirare un meraviglio paesaggio e potete adagiarvi sulle nostre panchine di ultima generazione: sono infatti assicurate saldamente al terreno tramite dei bellissimi blocchi di cemento (molto) armato, i quali fuoriescono fino all'altezza del sedere degli ospiti per offrire stimolanti minuti di relax, il tutto con un design mozzafiato.

Ma non mettetevi comodi ora, c'è ancora cosi tanto da vedere. Proseguiamo fino al bastione superiore, il Bastione alto della Cornacchia. Qui, insieme alle panchine deluxe, è previsto il servizio bar, con tanto di spumante. Purtroppo le scorte sono esaurite. Meglio cosi, per queste camminate l'alcol è sconsigliato.

Passiamo oltre e raggiungete con me la zona soprastante il bastione già descritto: qui il livello di modernità si alza incredibilmente, con i nostri cestini orizzontali arricchiti di piante invasive, per rendere la spazzatura meno “pugno in un occhio” alla natura curatissima di questo posto.

Dico curatissima perchè se vi voltate potete ammirare uno dei vanti più grandi di quest'area, le piante cadenti: il nome non vi deve trarre in inganno amici, non sono piante marce che stanno cadendo a pezzi e che nessuno cura, ma l'ultimo grido nel settore del verde e che ovviamente noi non potevamo farci mancare.

Vi starete chiedendo “Certo, sono delle bellezze incredibili, ma di sera come vengono illuminate?” La risposta è presto data: ecco qui i più avanzati risultati dell'illuminazione da esterni: praticamente tutta la zona è provvista di questi moderni apparecchi, solo qualche postazione ha ancora la lampadina ma stiamo provvedendo alla loro rimozione.

Procediamo adesso verso il Bastione della Carciofaia, per alcuni sarà amore a prima vista: qui infatti si possono ammirare delle pitture molto particolari applicate direttamente sulle mura, eseguiti da maestri professionisti con svariati colori e tecniche.

Gli amanti dell'arte possono pure rimanere qui ancora un po' se vogliono, per contemplare questi meravigliosi capolavori, intanto il resto del gruppo mi segua. Il bastione ha ancora molto offrire: questa zona è quella più adatta ai bambini, con queste altalene infatti il divertimento è assicurato!

Una di esse è wireless: porta a spasso per il paese il fortunato bambino per poi tornare dopo una decina di minuti, incredibilmente all'avanguardia per il divertimento dei più piccini.

Davanti a questi moderni mezzi di intrattenimento infantile potete ammirare una chicca introdotta solo da pochissimo in questo percorso: la panchina per mezza chiappa, per far trovare al fortunatissimo utilizzatore il giusto equilibrio per mettersi comodo e ammirare la bellezza dell'area in tutte le sue sfaccettature. Per ora si tratta solo di un esemplare, ma la gestione assicura che ne saranno introdotti molti di più prossimamente.

Arriviamo al Bastione del Cavaliere: da qui si cominciano a scorgere i tubi talpa, tubi ultra high tech, che fanno capolino sulla superficie per poi tornare sotto terra e riapparire successivamente, dando un incredibile effetto suggestivo al terreno.

La nostra visita si va a concludere al Bastione Veneziano, dove l'organizzazione raggiunge il climax: un piccolo e antico vano, udite udite, adibito a magazzino di bevande, cibi e attrezzatura sanitaria. Nell'inventario tanti prodotti di marca: Coca-cola, pop corn San Carlo e persino uno spazzolone di ultima generazione!

Mi raccomando amici, consigliate ai vostri conoscenti un viaggio a Portoferraio per non perdere l'opportunità di una visita incredibile come questa, alla modica cifra di 4 euro. Un tour praticamente regalato data la presenza di tutta l'incredibile attrezzatura e all'eccellente organizzazione presente in tutta l'area. Un grazie all'amministrazione ed alla gestione".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità