comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 24°32° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 07 luglio 2020
corriere tv
Le farmacie e il calo delle vendite delle mascherine: «Colpa anche del caldo»

Attualità sabato 15 febbraio 2020 ore 08:15

Pesca sportiva nei porti, individuate nuove zone

Foto di repertorio

Aperto un tavolo tecnico-istituzionale per permettere la pesca sportiva nelle aree portuali senza creare intralcio alle attività dei porti



FIRENZE — Fissare le regole per la pesca sportiva ricreativa nei porti di Livorno, Piombino, Marina di Carrara, Viareggio, Porto Santo Stefano, Capraia, Portoferraio, Rio Marina, Cavo, Marina di Campo e Isola del Giglio. Con questo obiettivo, come fa sapere la Regione Toscana, si è riunito venerdì scorso a Firenze un tavolo tecnico-istituzionale presieduto dall’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli. Il tavolo - al quale hanno partecipato oltre ai rappresentanti della Regione anche i Comandanti delle Capitanerie di Porto coinvolti, delegati dell'Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale ed i vertici della Fiops e della Fipsas (rappresentati sia il Comitato regionale toscano che il Consiglio nazionale) e dell'Arci Pesca - fornisce gli strumenti per attuare quanto previsto dal protocollo d'intesa sottoscritto precedentemente con l'obiettivo di consentire la pesca in sicurezza senza intralciare l'attività dei porti.

L'assessore Ceccarelli con i rappresentanti delle istituzioni interessate

"Il tavolo sulla regolamentazione della pesca sportiva e ricreativa nei porti della Toscana sta producendo risultati importanti - ha spiegato l'assessore Ceccarelli - Partendo dal presupposto che la pesca sportiva e ricreativa all’interno dei porti è tendenzialmente vietata, è stato fatto uno sforzo 'storico' da parte di tutti i soggetti firmatari del protocollo per superare questo limite e individuare in ogni Porto delle aree destinate a questa attività. Quando le ordinanze che attuano le previsioni del tavolo saranno attive, si chiuderà il cerchio e potremo sviluppare una cartografia chiara che indichi le zone in cui pescare è consentito, a beneficio di tutti gli appassionati. Mi auguro vivamente che presto, grazie al coinvolgimento di Anci, sia possibile estendere questa novità anche ai porti turistici ed a quelli di competenza comunale".

Nonostante molteplici fattori da valutare, tra cui questioni logistico-organizzative, norme per la sicurezza, vocazioni commerciali e turistiche delle aree portuali e specificità dei singoli porti, il tavolo ha infine prodotto un dettagliato schema, che declina la situazione di ognuno dei porti interessati. 

Per quanto riguarda Piombino ed Elba questi sono le aree individuate:

- Portoferraio e Cavo:
Attualmente è applicata l’ordinanza n 58 del 2006 che consente la pesca sportiva con canna lungo la banchina “Calata Italia” (qualora non presenti unità all’ormeggio, di solito piccole unità traffico passeggeri); è stata tuttavia predisposta bozza di ordinanza già condivisa con AdSP e Comune per l’individuazione di ulteriori aree che verrà adottata a seguito del completamento di lavori infrastrutturali alla banchina “alto fondale” (installazione nuove bitte e asfaltatura piazzali).
AdSP sta, inoltre, predisponendo per il Porto di Cavo un’ordinanza d’intesa con la Capitaneria di porto per disciplinare accessi e movimentazione al pontile commercial. In tale sede si sta valutando di consentire l’accesso (e quindi la pesca sportiva) alla testata del pontile solo in determinati periodi dell’anno - invernali e autunnali - quando i traffici sono limitati, e solo quando non sono presenti navi all’ormeggio. Entro l’inizio della prossima stagione estiva l'ordinanza dovrebbe essere adottata, previa verifica dell’installazione di scalette di risalita e posizionamento di salvagente anulari.

- Piombino:
Considerata la conformazione dell’area portuale e la destinazione d’uso delle banchine, la Capitaneria di Porto d’intesa con l’AdSP ha individuatp, per una prima fase sperimentale, quale area più idonea per la pesca sportiva la testata della banchina “Prolungamento Molo Batteria – Accosto 1/C”, per una lunghezza di 200 metri lineari nell’area davanti al fanale rosso di ingresso al Porto. La pesca sarà subordinata al rispetto di determinate condizioni. Si stima un massimo di 50 presenze in contemporanea (ai pescatori verrà rilasciato un apposito permesso di accesso con le auto in aree di parcheggio in corso di individuazione).
L’ordinanza, elaborata e condivisa con l’AdSP, sarà perfezionata ed entrerà in vigore una volta definiti aspetti di sicurezza di competenza dell’AdSP (salvagenti anulari, scaletta a mare, segnaletica verticale per percorso pedonale, istituzione registro permessi) che dovrebbero essere completati entro poche settimane.



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica