Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:37 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 19 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Una lince rossa si intrufola nel giardino del resort

Politica martedì 25 luglio 2023 ore 17:04

"Isole dell'Arcipelago Toscano penalizzate"

I consiglieri regionali della Lega Marco Landi ed Andrea Ulmi evidenziano i disservizi di sanità, scuola, prezzi dei carburanti, trasporti marittimi



FIRENZE — “Le Isole dell’Arcipelago Toscano, a differenza di quanto sta avvenendo, devono avere una loro centralità, per questo presenteremo un emendamento al Piano Regionale di Sviluppo in questo senso”. 

Lo affermano o consiglieri regionali della Lega Marco Landi e Andrea Ulmi che  intervengono sulla questione delle Isole, in particolar modo quelle minori. 

"Ci sono criticità – sostengono Landi e Ulmi- che, sempre più spesso vengono denunciate dai sindaci: sanità, scuola, ambiente, energia, mobilità fra le isole e trasporti marittimi”. 

“Sui medici di medicina generale ci sono grandi difficoltà sulla terraferma, pensiamo che cosa può avvenire sulle Isole – sostiene Andrea Ulmi, che è vicepresidente della commissione Sanità - Porto l’esempio del Giglio dove con il pensionamento del medico residente il sistema è saltato e l’arrivo di medici dal Continente limitatamente all’orario del turno presenta tutta le difficoltà del caso, dimostrando come l’attuale sistema sanitario fa fatica ad adattarsi a queste realtà e con il rischio che l’Isola resti per alcune ore senza un presidio”. 

C’è poi la scuola. “Sulla scuola - sostiene Marco Landi, portavoce dell’opposizione—per le isole minori il vero problema è la ‘discontinuità didattica’. L'istruzione obbligatoria di fatto non è contemplata per piccole isole, visto che molte non hanno le superiori, nel caso dell’Arcipelago Toscano mancano nei comuni al Giglio e a Capraia, dunque l’obbligatorietà si ferma ad otto anni, mentre i due rimanenti devono essere coperti sulla terraferma”. 

C’è poi il prezzo dei carburanti, criticità spesso evidenziata dai sindaci. 

“Si toccano e si sono toccate cifre esagerate, anche di due euro e cinquanta, forse di più, per la benzina – sostengono Landi e Ulmi- sembra quasi una punizione per chi vive sulle isole e questo si riversa sulla competitività delle stesse, anche in ambito turistico”. 

Un altro problema è la mobilità tra Isole e continente, ma anche tra isola e isola.

“Non esiste – denunciano Landi e Ulmi- la possibilità di muoversi tra le isole dell’arcipelago, ma questo è possibile solo attraverso la terraferma. Pensiamo che Giglio e Giannutri, pur essendo nello stesso comune, non hanno un collegamento interno, ma non c’è neppure tra il Giglio e l’Elba o tra l’Elba e Capraia”. 

Un ultimo aspetto riguarda le fonti energetiche rinnovabili.

“Le Isole – concludono Landi e Ulmi- ben si prestano a fonti energetiche rinnovabili, peccato che ad esempio all’Isola del Giglio ed a Giannutri si continui a produrre energia con gasolio e che non siano collegate alla terraferma da un elettrodotto, promesso da anni e mai realizzato. A Capraia, invece, di recente è stata realizzata una centrale a biodiesel”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È stato riaperto al pubblico il teatro "napoleonico" dedicato al tenore elbano Renato Cioni. Ecco gli interventi realizzati e la sua storia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Attualità

Sport