Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:02 METEO:PORTOFERRAIO19°19°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 20 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Roma, Giornata Mondiale delle Api: da piazza del Popolo a Villa Pamphilj arrivano gli «spacciatori» di semi di fiori

Politica giovedì 20 luglio 2023 ore 10:44

Bonus medici all'Elba, "diamo servizi non soldi"

Rifondazione Comunista ha contestato la linea della Regione Toscana: "Eticamente inaccettabile ricompensare professionisti con cifre del genere"



PIOMBINO — Sulle azioni messe in atto dalla Regione Toscana per trovare nuovi medici all'Elba, polemizza Rifondazione Comunista. "E Piombino? - hanno osservato - Non è degna, la Val di Cornia, di altrettanta considerazione da parte della Regione Toscana? Evidentemente no, evidentemente le politiche di abbandono di questa zona da parte delle istituzioni hanno come fine quello di far morire definitivamente questo territorio. Ma noi non ci stiamo e combatteremo per restituire ai cittadini la dignità che meritano e la fiducia nel servizio pubblico".

"Il Governatore Giani e il Pd si apprestano, con la scusa di garantire pari opportunità d’accesso ai servizi sanitari, a pagare a peso d’oro i servizi di volontari medici che accetteranno di farsi una vacanza all’Isola d’Elba con la famiglia, vitto e alloggio per tutti completamente rimborsato e un bonus, chiamato ufficialmente indennità di disagio, di 2mila euro lordi alla settimana oltre al normale stipendio, per max cinque settimane per lavorare in ospedale. Questo perché, secondo il Governatore Giani, non si trovano medici a sufficienza interessati a lavorare nella sanità pubblica ed è necessario intervenire sulle zone periferiche e disagiate, valorizzandole e trasformandole nello scalino capace di far spiccare il volo alla carriera dei giovani medici (leggi qui l'articolo collegato).

"A questo progetto la Regione Toscana ha destinato 2,5 milioni di euro: 2 milioni di euro per le indennità di disagio e 500mila euro per ricompensare le Azienda Sanitarie. Riteniamo eticamente inaccettabile che si investano cifre del genere per ricompensare professionisti che già godono di un ottimo stipendio mentre gli interventi di rafforzamento complessivo del sistema sanitario pubblico sono fermi al palo da anni: perdita di 33mila posti letto tra il 2010 e il 2018, mancato rafforzamento della sanità territoriale, nessun investimento serio sulle politiche di reclutamento del personale, e per personale intendiamo tutto il personale, medici ma anche infermieri, OSS, personale amministrativo e tecnico. - hanno commentato - L’assenza di queste politiche ha contribuito, in dieci anni, alla perdita di oltre 10mila medici e 11mila infermieri". 

Per Rifondazione questa non sarebbe la via per ripristinare i servizi persi e valorizzare con servizi nuovi gli ospedali periferici.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una donna è stata immediatamente soccorsa dalla comandante della polizia municipale, poi sono intervenute ambulanza e automedica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Elezioni

Monitor Traghetti

Attualità

Cronaca