Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO20°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità giovedì 11 maggio 2023 ore 19:00

Il tribunale elbano è di nuovo a rischio

A lanciare l'allarme è l’Associazione Forense dell'isola d'Elba che sottolinea come il principio di insularità debba essere fatto valere



PORTOFERRAIO — "Il Tribunale Elbano è, di nuovo, a rischio funzionalità. Il Presidente del Tribunale di Livorno ha stilato un provvedimento di riorganizzazione complessiva sia della sezione civile che penale dell’Ufficio, che porterà, se attuato, una pesante penalizzazione per l’accesso alla giustizia civile da parte dei cittadini isolani".

Lo segnala attraverso una nota l'avvocato Paolo Di Tursi, presidente dell'Associazione Forense dell'Isola d'Elba.

"Infatti, al fine di fronteggiare la persistente carenza di magistrati, il Dott. Luciano Costantini, ha ritenuto “assai difficoltoso mantenere la trattazione dei procedimenti presso la sezione distaccata di Portoferraio” sia in considerazione del carico di lavoro nella sede Labronica, sia per “i disagi conseguenti agli spostamenti all’isola d’Elba, soprattutto nella stagione invernale”, per i Magistrati", spiega Di Tursi.

"Questo è vero, ma lo è altrettanto in senso inverso per i cittadini elbani. - prosegue Di Tursi - La soluzione prospettata nel documento consiste nell’accentramento presso la sede centrale del contenzioso civile oggi trattato nella sede distaccata; quale alternativa al congelamento del ruolo con la paralisi dell’attività giudiziaria civile. Comprendiamo le difficoltà organizzative del Presidente derivanti dalla carenza dei magistrati, ma non la soluzione adottata, che ottiene un risultato opposto a quello voluto dal Governo solo pochi mesi fa, con la concessione della proroga della funzionalità del nostro presidio giudiziario, e di quelli esistenti sulle altre isole minori."

"Il Ministro della Giustizia, On. Carlo Nordio, all’inizio di dicembre del 2022, ha pubblicamente rappresentato, nell’aula del Senato, la consapevolezza di tutto il governo dei disagi che deriverebbero alle popolazione isolana con la chiusura del tribunale. - aggiunge Di Tursi - Impegnandosi in quella sede a concedere una ulteriore proroga fino al dicembre 2023, in attesa di una possibile riapertura definitiva delle sezioni insulari dei tribunali, anche in osservanza al nuovo dettato costituzionale dell’art. 119 della Costituzione, che nella nuova dizione riconosce la peculiarità dei territori insulari e impone allo Stato di adottare tutte le misure necessarie a rimuovere gli svantaggi derivanti dalla insularità. L’impegno è stato ribadito dallo stesso Ministro poche settimane fa nelle aule parlamentari ove ha rinnovato l’impegno del Governo a ristabilire alcune sedi giudiziarie soppresse nel 2014 tra cui ricorda in maniera specifica quelle insulari, sottolineando che la informatizzazione e la digitazione non sono assolutamente sufficienti a sopperire alle difficoltà di accesso alla giustizia per i cittadini".

"Ed infatti se le c.d. udienze cartolari possono lenire i disagi per gli avvocati elbani, essendo utilizzabile tale modalità solo per le udienze “tecniche” ove non in genere non è prevista la presenza di persone diverse dai difensori, lo stesso non può dirsi per le udienze in cui sia necessaria la presenza fisica delle parti o dei testimoni. Sarà quindi la popolazione a subire il maggior disagio possibile se l’attuazione del provvedimento si concretizzerà. Proprio quei cittadini nei confronti dei quali è riconosciuta lo svantaggio derivante dal vivere in un’isola, e a favore dei quali l’art. 119 della costituzione impone allo Stato di attivarsi per rimuovere tali svantaggi.Invitiamo pertanto tutte le forze politiche ad intervenire, affinchè gli isolani siano tutelati nella loro situazione di svantaggio", prosegue  Di Tursi.

"L’Associazione Forense dell’Isola d’Elba si attiverà in tutte le sedi necessarie per ripristinare la funzionalità dell’Ufficio dell’Elba, in attesa della sua definitiva stabilizzazione, garantita come imminente dal Governo e dal Ministro della Giustizia", conclude il presidente dell'Associazione Forense.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un giovane è stato soccorso dai volontari della Pubblica Assistenza su un sentiero impervio e poi trasferito in elisoccorso fuori Elba
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Elezioni

Attualità