Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:14 METEO:PORTOFERRAIO13°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine è così violenta che rompe il parabrezza dell’auto

Attualità lunedì 12 ottobre 2015 ore 10:50

Festa dell'uva, l'entusiasmo dei giurati

I cinque giurati commentano la loro esperienza alla Festa dell'uva di Capoliveri e arrivano suggerimenti su come migliorarla per l'anno prossimo



CAPOLIVERI — E' tempo di tirare le somme sulla Festa dell'Uva del ventennale andata in archivio, che trasforma Capoliveri, per un giorno, in altre epoche storiche. Ha colpito la frase “Dobbiamo fare in modo che anche i rioni in difficoltà organizzative abbiano la possibilità di essere competitivi fino in fondo”. 

L'ha detta da Walter Corbelli, presidente della Pro Loco capoliverese, che ha gestito il successo dell'ennesima edizione; c'è quindi bisogno di alcuni miglioramenti futuri. E allora perché non sentire i pareri dei giurati i quali hanno vissuto l'esperienza da vicino e hanno dovuto valutare i quattro rioni nell'amichevole sfida, il Baluardo che per la nona volta è stato vincitore, la Fortezza forte di sei trofei, il Fosso con tre successi e fanalino di coda una sfortunata Torre, con un'unica vittoria del Bacco, nella prima edizione del 1996. 

Intanto il dottor Danilo Marfisi, primo membro della giuria (come ha stabilito il notaio Maurizio Baldacchino, ndr) e presidente della Confederazione europea delle feste storiche, ha definito unica la Fesa dell'Uva capoliverese: "Non c'è un evento analogo in Europa e così ben fatto”.

E vediamo l'apporto dei cinque giurati. Il primo è il vice prefetto Giovanni Daveti, presidente della giuria: “Una manifestazione ottima, la partecipazione degli abitanti del borgo e della comunità capoliverese ed elbana, merita uno scenario più ampio. Nel pomeriggio tutto si trasforma in una grande sagra, forse svilisce la natura originaria della festa, ma, anticipando l'apertura dei borghi alle 13, i visitatori gusterebbero le specialità elbane con un ritorno, in chiave finanziaria, delle spese che i borghi sostengono. Potrebbe servire anche a quelli più "poveri" per competere alla pari, con quelli che costruiscono maggiori risorse, oltre i 2500 euro assegnati dal Comune. 

Le strutture recettive potrebbero coadiuvare gli stessi rioni ed ampliare l'area della manifestazione con un fiorire di bancherelle esaltando le produzioni locali che sono un'altra attrattiva. L'esperienza è senz'altro positiva, e la fatica è ripagata dall'entusiasmo dei partecipanti e dall'aria di festa che si respira tutto il giorno”. 

Ed ecco Marfisi, lo storico. “Sapevo qualcosa della festa grazie all'amico Michelangelo Venturini, uno dei fondatori. Eccezionale l'entusiasmo dei partecipanti, vero e genuino. Una sana e forte competizione tra i rioni. Importanti i tanti giovani coinvolti, tale aspetto non l'ho visto in molte manifestazioni e feste in Italia ed all'estero. Ambientazioni di buon livello, anche se mantenute per poco tempo; dopo il passaggio della giuria tutto via via si modificava. 

E' chiaro che i rioni hanno necessità di "fare cassa" ma il livello di qualità dell'ambientazione va mantenuto, anche per rispetto a turisti e visitatori. Poi la giuria, a bocce ferme, potrebbe fare un confronto con i capi rione per dare chiarimenti sulle valutazioni fatte: aiuterebbe i rioni a migliorarsi sempre. Grazie ancora e un saluto a tutta Capoliveri”. 

E passiamo a Letizia Cini, vice caporedattore redazione Cultura e Spettacoli di Qn, La Nazione e altre testate. “Uno vince, tre no. Dura lex, sed lex. Nessun ripensamento sulla vittoria del Baluardo, anche se tutti i rioni avrebbero meritato un premio. Il presidente della Pro Loco, Walter Corbelli, attento e vigile, animato dalla trepidazione di chi muove i primi passi in un mondo infiammabile come quello delle tradizioni popolari. 

Bello l’attaccamento, la voglia di vincere, di prendere d’assalto quel Bacco, i rionali passano notti insonni, sudando, cucinando, ballando e mettendosi in costume. Sono stata in giuria alla gemellata Festa dell’Uva di Impruneta, ma quella di Capoliveri è stata capace di dare emozioni e visioni mai provate. Gli occhi dei bambini mi resteranno impressi a lungo. Ha ragione il primo cittadino, Ruggero Barbetti: “Ancora una volta, ha vinto Capoliveri”. 

E un'altra donna di qualità, Danae Sapere enologa dell'omonima Azienda agricola: “Un' esperienza piacevole vedere da vicino determinati scorci, non facendosi scappare neppure un dettaglio. Ho capito tutto il lavoro di ciascun rione, la passione di grandi e piccini e la speranza di tutti di far conquistare il Bacco. Vedere, animate e operative cantine dei primi del novecento è stato emozionante, mi ha ricordato i racconti del babbo, che a sua volta mi raccontava del nonno. 

Mi sarebbe piaciuto però che ogni addetto cantiniere avesse speso due parole per spiegare con parole semplici il processo di vinificazione e l'utilizzo delle attrezzature in riferimento al periodo storico”. 

Infine il commento davvero sintetico, ma saggio e significativo, del giurato austriaco, il regista cinematografico e televisivo Bernd Fischerauer : “Adoro tutti quelli che hanno partecipato, andate avanti così per i prossimi 100 anni”. E spunta anche un gradito commento di un ospite speciale: il campione di calcio Alberto di Chiara, in serie A nella Fiorentina, nel Parma e poi anche nella nazionale. “Io di sfide emozionanti ne ho vissute, non avrei mai pensato che una festa dedicata all'uva con le sue ambientazioni storiche, mi avrebbe così coinvolto. La passione, la cura nei particolari, la storia rappresentata attraverso suggestive scenografie, mi hanno molto impressionato. Una festa ben organizzata dal presidente pro loco Walter Corbelli e da tutti i protagonisti in campo”.

Ringraziamo Stefano Bramanti per il contributo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un grupoo di amici ha creato un comitato per organizzare una giornata di sport e beneficenza in ricordo del giovane scomparso prematuramente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Politica