Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PORTOFERRAIO17°20°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima di Valentino Rossi, si commuove per la festa e lancia il casco ai suoi tifosi

Attualità mercoledì 08 settembre 2021 ore 07:13

Rimeinpentola, nuova edizione del libro di Claudi

Alvaro Claudi

È uscita un'edizione con una nuova copertina del libro di ricette elbane dello chef Alvaro Claudi con progetto fotografico di Enrico Gambelunghe



CAPOLIVERI — È stato pubblicato da pochi giorni con una nuova copertina, in nuova edizione, e rinnovato in alcune sue parti interne Il libro di cucina in rima di Alvaro Claudi, Rimeinpentola, Raccolta in rima di ricette, ricordi e storie di cucina dell’Isola d’Elba condite con la raffinata ironia di un grande Chef, corredato dalle foto in Bianco e Nero di Enrico Gambelunghe. L'opera è pubblicata da Persephone Edizioni ed è alla quinta pubblicazione.

Il libro è stato stampato grazie al contributo della Sig.ra Rossana Galletti, Agenzia “Assoshipping, Elba Ship &Yacht agents”.

Copertina del libro

Qui di seguito sono riportate alcune citazioni dall’Introduzione di Elisa Savi Ovadia:
"Mi ha commosso scorgere nella lettura di Rimeinpentola, la radice che lo ha formato e gli ha trasmesso quei valori di autenticità ed onestà che costituiscono le fondamenta di ogni essere umano che si rispetti. Ritrovo, nelle sue descrizioni in rima, gli insegnamenti del padre che gli ha passato quel testimone che Alvaro offre a noi in queste “ricette in poesia” che non sono solo suggerimenti di arte culinaria, ma frammenti di una narrazione che ci racconta tutti come popolo. Di pagina in pagina, Alvaro ripercorre la nostra Storia, le nostre tradizioni, le arti e i mestieri perduti o in pericolo di vita, i sapori che ci hanno accompagnato". 

Gisella Catuogno nella prefazione ha scritto: "In queste pagine si respira anche profumo d’infanzia e di feste familiari. La scansione, dall’antipasto al dolce, dei banchetti gioiosi e affollati di parenti viene narrata in rima, con dovizia di particolari, divenendo un vade- mecum da seguire nelle grandi occasioni. E ci ricorda la toscanità dell’autore e il suo luogo natìo, quella Scarperia, da cui molto giovane si è allontanato per l’Elba, sua terra d’elezione, diventando un elbano più doc di tanti autoctoni, perché dell’isola ha saputo cogliere al volo le peculiarità e proporne la valoriz- zazione, con onestà intellettuale e passione di grande chef".

E  infine qui di seguito riportiamo una ricetta isolana tratta dal libro con la foto che l’accompagna di Enrico Gambelunghe.


Piangere per la cipolla e non per l'olio


Lo Stoccafisso alla Riese

Compra lo stoccafisso già bagnato

circa du’etti per ogni persona,e stai tranquillo se la riuscita è buona neanche un solo grammo andrà sprecato.
Strizzalo bene, finché non s’è asciugato,

togli le lische, almen quelle più grosse, se vanno per la gola, altro che tosse!

Libro

Stoccafisso (foto di Enrico Gambelunghe)

Lasciar la pelle è ben raccomandato.
Prendi un tegame di rame stagnato,

taglia lo stoccafisso in grossi tòcchi,

affetta tanta cipolla e attent’agl’occhi,

piangi per lei e non per l’olio usato.
Se vuoi un piatto molto prelibato

non lesinare il condimento base,

perché fondamentale è in questa fase

dare alla cipolla un bel color dorato.
Dopo che lo stoccafisso avrai adagiato

su questo profumato condimento

dovrai aspettare che venga il momentodi unire il vino bianco. 

E va sfumato.
Aspetta che il vino sia bene evaporato 

e il pesce pian pianin diventi d’oro,

metti ora del buon sugo al pomodoro,

meglio ancora se doppio concentrato.
Quando l’olio in superficie è affiorato

dopo una lunga cottura a fuoco lento,

questo sicuramente è il momento

che con altri ingredienti sia integrato.
Di sale e di piccante va aggiustato,

e queste cose van sempre valutate,

prima di aggiungerci le tante patate,

quant’ era il peso del pesce bagnato.
Per ottenere un grande risultato,

poco prima del termine cottura,

mettici olive nere, con misuradi una manciata per ogni convitato.
Se questo piatto ti ha ben conquistato,

non gustarlo da sol, ma in compagnia:

sarà protagonista d’ allegria,

se da un vin rosso

verrà accompagnato.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto di notte sulla strada di San Giovanni in prossimità di un cantiere. Una ragazza è stata trasferita con l'elisoccorso a Livorno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Sport