comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 23°26° 
Domani 23°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 03 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, Zaia: «Siamo passati da rischio basso a elevato, non so a chi fare i complimenti sinceramente»

Attualità martedì 20 giugno 2017 ore 11:29

Vasi e tubi abbandonati, ora la spiaggia è pulita

I volontari di Legambiente hanno ripulito le dune di Lacona grazie all'aiuto dei bambini del campo solare e i detenuti del carcere di Porto Azzurro



CAPOLIVERI — Le dune di Lacona sono state ripulite grazie all'iniziativa organizzata da Legambiente Arcipelago Toscano. I rifiuti presenti sulle dune sono molto diminuiti e ormai si tratta quasi solo di materiale trasportato dal vento, anche se non sono mancate spiacevoli sorprese.

Ad aiutare i volontari di Legambiente nella minuziosa pulizia delle dune sono stati i bambini del Campo solare di Lacona e i detenuti del carcere di Porto Azzurro che poco dopo sarebbero stati tra gli attori di “Alberi” (leggi l'articolo correlato).

Nella parte retrodunale I volontari di Legambiente hanno scoperto un vero e proprio deposito abbandonato di vasi di plastica per fiori ancora pieni di terra che hanno dovuto scavare e sempre sul lato est del retro della duna sono presenti tubi di plastica abbandonati che i volontari sono riusciti a togliere solo in parte.

La parte occidentale delle dune di Lacona verrà ripulita nei prossimi giorni da “Vele Spiegate”, la grande iniziativa di Legambiente e Diversamente Marinai di volontariato e citizen science su marine litter e cetacei che verrà presentata a Portoferraio il 28 giugno da Goletta Verde.

Il responsabile mare di Legambiente Toscana Umberto Mazzantini ha segnalato che la recinzione messa dal Parco Nazionale a protezione dell Dune presenta qualche problema. "Se da una parte è già visibile, nonostante la siccità, la ricolonizzazione e abbondanza della vegetazione dunale, - ha fatto notare - dall’altra la mancanza di cartellonistica, di un passaggio tra la concessione balneare dell’Esercito e la stessa recinzione del Parco, che verso la foce del fosso ad est, è così bassa da rappresentare un invito ad entrare invece che una dissuasione". Il passaggio di interi gruppi di persone, specie se sui sacconi protettivi in iuta, vanificherebbe il lavoro effettuato a protezione e per il ripascimento della duna.



Tag
 
Orario voli Silver Air Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Attualità