Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:29 METEO:PORTOFERRAIO10°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 26 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Funerali di Stato per Attanasio e Iacovacci: la moglie dell'ambasciatore in prima fila con le figlie

Attualità martedì 20 giugno 2017 ore 11:29

Vasi e tubi abbandonati, ora la spiaggia è pulita

I volontari di Legambiente hanno ripulito le dune di Lacona grazie all'aiuto dei bambini del campo solare e i detenuti del carcere di Porto Azzurro



CAPOLIVERI — Le dune di Lacona sono state ripulite grazie all'iniziativa organizzata da Legambiente Arcipelago Toscano. I rifiuti presenti sulle dune sono molto diminuiti e ormai si tratta quasi solo di materiale trasportato dal vento, anche se non sono mancate spiacevoli sorprese.

Ad aiutare i volontari di Legambiente nella minuziosa pulizia delle dune sono stati i bambini del Campo solare di Lacona e i detenuti del carcere di Porto Azzurro che poco dopo sarebbero stati tra gli attori di “Alberi” (leggi l'articolo correlato).

Nella parte retrodunale I volontari di Legambiente hanno scoperto un vero e proprio deposito abbandonato di vasi di plastica per fiori ancora pieni di terra che hanno dovuto scavare e sempre sul lato est del retro della duna sono presenti tubi di plastica abbandonati che i volontari sono riusciti a togliere solo in parte.

La parte occidentale delle dune di Lacona verrà ripulita nei prossimi giorni da “Vele Spiegate”, la grande iniziativa di Legambiente e Diversamente Marinai di volontariato e citizen science su marine litter e cetacei che verrà presentata a Portoferraio il 28 giugno da Goletta Verde.

Il responsabile mare di Legambiente Toscana Umberto Mazzantini ha segnalato che la recinzione messa dal Parco Nazionale a protezione dell Dune presenta qualche problema. "Se da una parte è già visibile, nonostante la siccità, la ricolonizzazione e abbondanza della vegetazione dunale, - ha fatto notare - dall’altra la mancanza di cartellonistica, di un passaggio tra la concessione balneare dell’Esercito e la stessa recinzione del Parco, che verso la foce del fosso ad est, è così bassa da rappresentare un invito ad entrare invece che una dissuasione". Il passaggio di interi gruppi di persone, specie se sui sacconi protettivi in iuta, vanificherebbe il lavoro effettuato a protezione e per il ripascimento della duna.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Orari traghetti Elba Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Toscani in TV

Attualità

Attualità