Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:17 METEO:PORTOFERRAIO20°34°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 29 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, Cesarini-Rodini oro nel canotaggio: la gioia e il tuffo in acqua

Attualità mercoledì 08 marzo 2017 ore 15:51

​A Mola arriva anche l’Airone Guardabuoi

Una particolare specie di volatile ha stanziato nella zona umida di Mola nei giorni scorsi. Legambiente: "Esemplare raro all'Elba"



PORTO AZZURRO — La Zona umida di Mola e i suoi dintorni, nonostante il degrado denunciato più volte da Legambiente, continuano ad essere una straordinaria calamita per l’avifauna migratoria, stanziale o che cerca semplicemente un punto di sosta e ristoro.

Questa volta l’ospite è straordinario all'Elba, un Airone Guardabuoi, fotografato da Saverio Pierulivo. Ma ancora più singolare il posto dove staziona: l'uccello dal piumaggio bianco e dal lungo becco giallo, è presente nella piana di Mola da una decina di giorni.

"Questo Airone - spiega Giovanna Neri di Legambiente - è infatti probabilmente uno dei primi della sua specie ad essere avvistato nella zona, appartiene ad una specie protetta dalla Direttiva Uccelli europea, ed è incluso nella Lista Iucn e nell’allegato III Cites. 

L'Airone ha scelto come luogo di vedetta prima il tetto di una banca, poi ha preferito il cofano di un'auto parcheggiata per trascorrere il pomeriggio. L'avvicinamento a terra non sorprende, questi Aironi amano le aree aperte vicino alle zone umide, soprattutto se coltivate e con presenza di grandi animali, cavalli e buoi, con cui convivono storicamente in un reciproco scambio".

L’Airone Guardabuoi si nutre infatti di cavallette e coleotteri che tipicamente accompagnano gli animali mentre questi si muovono lentamente sul terreno erboso. 

Può capitare anche di vederlo appollaiato sopra i bovini stessi. Questa specie, infatti, nutrendosi di piccoli parassiti come zecche e mosche, porta molti benefici ai ruminanti. Offrendo buon cibo, i bovini ricevono in cambio un segnale di allarme in caso di pericolo: da qui il nome di Airone guardabuoi. 

All'interno delle zone umide si nutre anche di pesci, anfibi e invertebrati acquatici e terricoli, nonché di piccoli roditori che scova nei terreni agricoli in fase di lavorazione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo ha fatto sapere il governatore della Toscana Eugenio Giani che sta seguendo l'evolversi della situazione. Oggi due roghi hanno colpito l'isola
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

STOP DEGRADO