QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°15° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 06 dicembre 2019

Spettacoli mercoledì 17 luglio 2019 ore 16:00

Magnetic Festival, i prossimi eventi in miniera

Magnetic Opera Festival alla Miniera del Ginevro, Capoliveri

L'Orchestra Sinfonica Cantieri d’Arte con il Coro dell’Opera di Parma Emiliano Esposito metteranno in scena "Cavalleria rusticana" e "Pagliacci"



CAPOLIVERI — La lirica di tradizione incontrerà il pubblico alla Miniera di Ginevro domani giovedì 18 Luglio alle 21,30, con il più famoso dittico del Verismo italiano: “Cavalleria rusticana” di Mascagnie “I Pagliacci” di Leoncavallo, eseguiti dall’Orchestra Sinfonica Cantieri d’Arte con il Coro dell’Opera di Parma Emiliano Esposito, diretti dal Maestro Stefano Giaroli. La regia, le scene e i costumi sono di Artemio Cabassi.

Due titoli che, per la loro brevità e per il clima espressivo comune, fin da poco tempo dopo la prima esecuzione, vengono spesso associati nella stessa serata. Amore, gelosia e morte si intrecciano strettamente nella vicenda di Lola, Alfio e Turiddu, ma anche in quella della compagnia dei Pagliacci.

“Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni

È la storia di Turiddu Macca, un contadino siciliano, figlio di Nunzia. Prima di partire per il militare era fidanzato con Lola. Un giorno Turiddu, rincasando, incontra finalmente Lola, la quale gli spiega che sta per sposare Alfio. Turiddu innamoratissimo di Lola, si sente ferito e umiliato dalla sua indifferenza. Allora, roso dalla gelosia, decide di vendicarsi seducendo Santuzza. Poiché Santuzza si innamora di lui, la gelosia di Lola aumenta e così decide di invitare Turiddu a casa sua; Santuzza se ne accorge e, sentendosi tradita, decide di raccontare quello che ha visto ad Alfio. Alfio, turbato dall’offesa, sfida a duello Turiddu che morirà durante il combattimento.

Interpreti: soprano Cristina Melis (Santuzza), tenore Alberto Profeta (Turiddu), mezzosoprano Renata Campanella (Lola), baritono Marzio Giossi (Alfio), contralto Leonora Sofia (mamma Lucia).

“Pagliacci” di Ruggero Leoncavallo

È il 21 maggio del 1892 quando al Teatro Dal Verme di Milano viene rappresentata per la prima volta l’opera lirica in due atti Pagliacci. Non è un caso, infatti, che Pagliacci sia spesso rappresentata in coppia con Cavalleria Rusticana di Mascagni. La storia di questa compagnia teatrale girovaga che giunge in un piccolo paesino del Meridione italiano; la gelosia e il tradimento in primo piano, con il protagonista, Canio che uccide la moglie Nedda e l’amante Silvio in scena, reso furioso dall’aver scoperto la tresca e di viverne una parallela al momento di recitare; Tonio e Beppe, inorriditi, non intervengono, ma gli spettatori comprendendo troppo tardi che ciò cui stanno assistendo non è più finzione. Canio a delitto compiuto, esclama beffardo: “la commedia è finita!”

Interpreti: soprano Renata Campanella (Nedda), tenore Alberto Profeta (Canio), baritono Marzio Giossi(Tonio), tenore Antonio Calamorea (Arlecchino), baritono Filippo Polinelli (Silvio).

Proseguono inoltre i “Matinée” musicali gratuiti che ogni mattina dall’8 al 22 Luglio, dalle ore 10 in Piazza Matteotti a Capoliveri e al Santuario della Madonna delle Grazie, coinvolgeranno il pubblico e i turisti dell’isola per un’immersione a 360° nel clima del festival.

Giovedì 18 Luglio l’appuntamento sarà dedicato agli archi con Michaela Bvlikova al violino, Antonio Braidi al violoncello e Davide Burani all’arpa.

Il weekend si apre venerdì 19 Luglio con il trio di ottoni Fabio Caggiulla (tromba), Marco Vescovi(tromba) e Valentino Spaggiari (trombone); prosegue sabato 20 Luglio con il trio di fiati formato da Anatoli Ricci (flauto), Giorgio Ferrocci (oboe) e Matteo Scavazza (fagotto) per finire domenica 21 lugliocon un altro trio, questa volta di archi, con Tania Righi (violino), Tiziana Scanavini (violino) ed Enrico Ferri (violoncello).

Chiudono il ciclo di Matinée, lunedì 22 Luglio sempre in Piazza Matteotti, Comaci Boschi al flauto, Sandro Guidetti al clarinetto e Javier Gonzales al fagotto.

Magnetic Opera Festival è realizzato da Maggyart, con il patrocinio del Comune di Capoliveri.

In caso di maltempo, i concerti in miniera saranno rinviati al giorno successivo. Una navetta collegherà Capoliveri, con partenza in Piazza del Cavatore, alla Miniera del Ginevro. Presso la cava sarà inoltre allestito, nelle sere degli spettacoli, un servizio catering attivo dalle 19 alle 21.

Biglietti

I concerti in Piazza Matteotti sono ad ingresso gratuito.

Per gli appuntamenti nella Miniera di Ginevro i biglietti saranno in vendita su www.magnetic-operafestival-elba.com

Pagina Facebook: MaggyartCapoliveri 

Instagram: maggyartcapoliveri



Tag

Governo, Conte: «Per Renzi è a rischio? Lui pessimista cosmico»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità