QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 10°10° 
Domani 12°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 16 novembre 2018

Attualità martedì 06 novembre 2018 ore 17:26

La Tassa di sbarco fa discutere i sindaci

Veduta del porto di Portoferraio

Rio e Portoferraio contrari all’aumento della tassa di sbarco di 1,50 euro in alta stagione. Calo del 2,5 per cento dei biglietti nella stagione 2018



CAPOLIVERI — Si è riunita lunedì 5 Novembre presso la sala consiliare del Comune di Capoliveri la consulta dei sindaci per la Gestione Associata del Turismo dell’Isola d’Elba. La seduta, alla quale hanno preso parte i primi cittadini dei comuni elbani con gli assessori delegati, è servita a fare il punto sull’andamento della stagione turistica appena conclusa e ad assumere importanti deliberazioni in ordine alle attività strategiche per il futuro turistico dell’isola.

Dopo la disamina degli indicatori sui biglietti venduti fino al 30 settembre che ha registrato complessivamente un -2,5 per cento rispetto all’anno precedente ma decisamente meglio della costa toscana e di altre importanti realtà turistiche italiane, è stato posto in evidenza il dato più che positivo del mese di Maggio e di Settembre che hanno registrato un incremento rispettivamente del 19 per cento e del 7 per cento.

Le riflessioni hanno posto in evidenza alcune criticità che hanno riguardato l’intero comparto turistico italiano: il calendario non favorevole, il meteo che ha fatto i capricci e soprattutto il rilancio sul mercato di alcune località turistiche straniere, in passato penalizzate da condizioni politiche sfavorevoli.

"Dati positivi sono stati riscontrati – come hanno sottolineato Ruggero Barbetti, sindaco di Capoliveri,  capofila della Gat e l’assessore delegato Claudio Della Lucia - grazie alle campagne web soprattutto sui mercati di lingua tedesca che hanno portato ottimi risultati con particolare riferimento alla bassa stagione, confermando un interesse per l’Elba che va oltre il mare e che privilegia outdoor e cultura. 

“Da qui la necessità di consolidare il turismo classico balneare - ha sottolineato il sindaco Barbetti – e soprattutto di incrementare l’outdoor”.

L’ordine del giorno della seduta di lunedì portava, però, all’attenzione dei sindaci due importanti punti: le proposte di modifica della convenzione tra i Comuni per il necessario adeguamento alla Legge regionale n. 86 del 2016, approvato all’unanimità, nonché la conferma dell’incremento del contributo di sbarco da 3,5 a 5 euro nel periodo di alta stagione che nel corso della precedente seduta della Gat aveva trovato i rappresentanti dei comuni dell’isola sostanzialmente concordi.

La questione, tornata sul tavolo della consulta dato che oggi Rio ha un nuovo sindaco, non ha trovato il consenso unanime dei sindaci elbani. Ad esprimere parere negativo sono stati il sindaco di Portoferraio Mario Ferrari, che già si era espresso in questa direzione, nonché il sindaco di Rio, Marco Corsini, per la prima volta al tavolo della Gestione associata per il Turismo dell’isola d’Elba, che ha evidenziato criticità in ordine alla manovra che complessivamente porterebbe alla Gat oltre 1 milione di euro da investire al 50 per cento per la promozione turistica del territorio e con l’altro 50 per cento che andrebbe nelle casse dei Comuni.

Capoliveri e Campo hanno fatto notare che grazie ad un grande gesto di solidarietà i piccoli comuni incassano gli stessi importi di comuni con presenze turistiche importanti nei numeri. Basti pensare che Campo, Portoferraio e Capoliveri raggiungono quasi 2 milioni di presenze su un totale di 2 milioni e 900mila.

Un eventuale ostracismo di qualche Comune ad un aumento del contributo di sbarco di 1,50 euro in alta stagione pone sicuramente il problema sia della suddivisione delle risorse tra i Comuni che dell’esistenza stessa della Gat e del contributo di sbarco.

"La domanda da porsi è - spiegano da Capoliveri - se per il turismo è più dannoso un aumento del contributo di sbarco in alta stagione per 1,50 euro o rinunciare a 500mila euro da investire in promozione turistica per la nostra splendida isola e altri 500mila euro da investire nella fidelizzazione dei turisti da parte dei Comuni. Purtroppo non sempre la politica è all’altezza dei compiti che le sono delegati".

Sul punto in attesa di ulteriori approfondimenti e chiarimenti la seduta è stata sospesa e rinviata per una nuova discussione di questo e degli altri punti all’ordine del giorno ovvero piano promozionale 2019, contributo alla realizzazione del frantoio comprensoriale e attivazione del servizio linea bus Pisa Aeroporto – Piombino, alla prossima seduta del 26 novembre.     



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità