Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:35 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
A Kiev, tra le bandierine ai caduti e l’appello agi alleati: «Mandate armi e munizioni»

Attualità martedì 20 agosto 2019 ore 18:01

Cattivi odori dal Buraccio, Gelsi interviene

Foto di repertorio

Sono stati segnalati cattivi odori provenienti dalla zona di trattamento dei rifiuti. Il sindaco di Capoliveri chiede ad Esa di risolvere il problema



CAPOLIVERI — "Quella che si sta avviando inevitabilmente alla sua conclusione è stata un’estate caldissima per l’isola d’Elba, ma per qualcuno il clima - o meglio, l’aria - è stata davvero irrespirabile, nel vero senso della parola" inizia così una nota del Comune di Capoliveri in cui si spiega che l’allarme è scattato verso la metà di Agosto, quando sono stati segnalati miasmi e cattivi odori, soprattutto nelle ore serali/notturne, nei pressi della strada provinciale del Lido di Capoliveri, proveniente dall’impianto di trattamento dei rifiuti del Buraccio.

Un problema già verificatosi qualche anno fa, come spiegano dal Comune di Capoliveri, e successivamente in parte risolto, ma che si è ripresentato prepotentemente anche quest’anno. 

“A seconda delle condizioni del vento non si respira – dichiara il sindaco di Capoliveri Andrea Gelsi – e siamo arrabbiatissimi soprattutto perché nessuno interviene per comunicarci le criticità e la tempistica necessaria per risolvere il problema. La protesta degli abitanti e degli imprenditori turistici della zona di Lido e di Mola è giustamente salita di tono e noi vogliamo essere in grado di dare risposte certe ai nostri cittadini sui tempi necessari per la risoluzione immediata del problema”.

"Anche Esa, - si legge nella nota del Comune di Capoliveri - con cui l’Amministrazione comunale ha in programma un incontro domani, è al corrente che quest’anno l’inconveniente si è ampliato, forse a causa delle elevate temperature e della escursione termica fra giorno e notte.

“Qualsiasi sia la causa – continua Gelsi – si deve intervenire immediatamente per bloccare il disagio che attanaglia i cittadini e i turisti e quindi provvedere immediatamente a redigere un progetto di trattamento dell’aria esausta proveniente dall’impianto al fine di risolvere definitivamente questo subdolo inquinamento atmosferico che viene respirato dai cittadini di Capoliveri e di Porto Azzurro". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un elbano ha scritto una lettera di ringraziamento al team di Pisa per le cure ricevute perché all'Elba non è stato possibile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità