Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il raccattapalle corre sul dritto di Sinner e lui perde il punto

Attualità martedì 12 marzo 2024 ore 12:01

Lacona, nuovo intervento a difesa delle dune

L'intervento è stato realizzato grazie ai fondi del progetto Resto con Life acquisiti dal Parco Nazionale Arcipelago Toscano



CAPOLIVERI — Il secondo intervento di ripristino delle dune di Lacona, nel Comune di Capoliveri, Isola d’Elba, si avvia alla conclusione.

Le dune, cruciali per la biodiversità e la protezione litoranea, sono vulnerabili alla pressione antropica, come spiegano dal Parco Nazionale Arcipelago Toscano un una nota 

Grazie al progetto Resto con Life, il Parco Nazionale Arcipelago Toscano ha già effettuato interventi, ma eventi meteorologici del 2018 hanno danneggiato gravemente l'area.

Nuovi interventi, finanziati dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, mirano a proteggere e ripristinare le dune con tecniche di ingegneria naturalistica. La pineta di pino domestico, colpita da un parassita, è stata diradata e alcuni alberi abbattuti per contenere la diffusione del coleottero. 

L'abbattimento ha coinvolto anche esemplari seccati da blastofago, ma la rimozione completa del fusto è evitata per preservare la necromassa, benefica per insetti e vertebrati, dimostrando l'utilità ecologica di lasciare in piedi alberi morti.

Qui di seguito la descrizione degli interventi redatto da Michele Giunti e Francesca Giannini.

"Ormai si avvia alla conclusione il secondo intervento di ripristino degli ambienti dunali di Lacona. Come è noto, le dune sabbiose, oltre che per le specie animali e vegetali, più o meno rare, che vi vivono assumono una grande importanza per la protezione delle zone litoranee. Esse costituiscono una riserva di sabbia che possono rifornire all’arenile in occasione di grandi mareggiate e contribuiscono alla tutela delle falde dulcacquicole costiere. Purtroppo, tale ambiente risulta particolarmente vulnerabile alla pressione antropica, in quanto fondato su un fragile equilibrio dinamico tra fattori morfologici e climatici e negli ultimi decenni il crescente utilizzo degli arenili a scopo turistico-ricreativo insieme ai fenomeni di erosione costiera, ne hanno messo a rischio l’integrità e la funzionalità.


Il Parco Nazionale Arcipelago Toscano nel biennio 2016-17, grazie a finanziamenti della Commissione Europea con il progetto RESTO CON LIFE, ha realizzato una serie di interventi di ripristino per restituire “spazio” al sistema dunale, affinché lo stesso potesse espletare le proprie dinamiche evolutive.


In Ottobre 2018 purtroppo l’area compresa tra il Mar di Sardegna, il Mar di Corsica e il Mar Ligure è stata interessata da un evento meteorologico di eccezionale portata. L’arenile e il sistema dunale hanno subito dei fenomeni erosivi che sono stati limitati e in parte anche evitati grazie alle opere presenti, le quali però a loro volta sono state gravemente danneggiate.


Al via quindi i nuovi interventi (con un finanziamento del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica) con l’obiettivo di proteggere e ripristinare la morfologia dunale, grazie all’utilizzo di tecniche di ingegneria naturalistica, che diminuiscono l’energia cinetica delle onde e favoriscono l’accumulo di sabbia a retro delle stesse, con l’accrescimento della zona antedunale.
Così come le effimere piante che si trovano molto vicino al mare anche gli alberi che crescono a ridosso delle dune hanno il proprio ruolo funzionale; la pineta di pino domestico necessitava di un’attenzione particolare. Già diradata con i primi interventi, rimuovendo le piante con chioma deperiente o aduggiata o quelle che esercitano una concorrenza eccessiva nei confronti di quelle meglio conformate, è stata attaccata pesantemente da un parassita, il blastofago dei pini (Tomicus destruens).

La rapida diffusione del blastofago ha costretto quindi ad intervenire su un numero maggiore di individui rispetto a quello oggetto di un normale diradamento (complessivamente 46 di cui 24 risultati attaccati). Purtroppo, non restava che l’abbattimento, come unica soluzione per tentare di contenere la diffusione del coleottero.

Tra questi esemplari abbattuti, ve ne erano 12 già completamente secchi; alcuni da diversi mesi, altri da 1-2 anni. Uno di questi era un pino domestico avente carattere monumentale, ben conosciuto per le notevoli dimensioni e la maestosità della chioma. Assieme ad un altro paio di esemplari posti nelle vicinanze, e per adesso ancora apparentemente sani, risultano le piante attualmente più longeve del Golfo.


Tuttavia non sempre è utile procedere con la rimozione dell’intero fusto anche quando la pianta è completamente secca; infatti per motivi ecologici è ormai consolidata la pratica, negli ambienti naturali e talvolta anche nei giardini storici, di rilasciare in piedi i fusti secchi poiché la presenza di legno morto in grandi quantità, necromassa, favorisce molte specie di insetti (non dannosi), ma anche vertebrati come uccelli e piccoli mammiferi, che utilizzano questa risorsa per svolgere alcune fasi del proprio ciclo biologico.

Parrebbe un controsenso e la domanda spontanea è: e il blastofago non sopravvive? Sembra di no, infatti la necessità di rimuovere o cippare completamente il materiale legnoso attaccato dal blastofago vale per tutte le piante la cui colonizzazione è in corso. Una volta che la pianta ha subito l’attacco e risulta da oltre un anno completamente secca, il suo smaltimento ai fini della limitazione del parassita non ha più senso. Così al Pinone è stata rimossa la chioma e le principali ramificazioni che potevano essere pericolose ed adesso il fusto testimonia non solo la sua storia, che si intreccia con quella di chi ha vissuto e vive in questo luogo, ma anche l’utilità ecologica del rilascio di grandi esemplari morti in piedi all’interno degli ambienti naturali".




Crediti: Gruppo di progettazione e direzione Lavori: Iris sas di M. Bacci e NEMO srlProgettisti e Direzione Lavori: Maurizio Bacci, Stefano Corsi, Michele Giunti, Leonardo LombardiFoto e testi: Michele Giunti e Francesca Giannini


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Marcella Merlini, candidata a sindaco di Portoferraio della lista "Bene Comune" spiega le due ragioni per cui non partecipa al confronto sul bilancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Elezioni

Attualità