QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 15°16° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 08 dicembre 2019

Politica sabato 01 giugno 2019 ore 16:40

Dissalatore, il sindaco scrive al Prefetto

Ruggero Barbetti

Barbetti spiega che le richieste di Regione ed Ait sono "una grave violazione dei diritti dei cittadini" perché il Comune è bloccato per le elezioni



CAPOLIVERI — Proseguono le controversie legate al progetto del dissalatore di Mola. Infatti il sindaco di Capoliveri, Ruggero Barbetti, ha inviato una richiesta di intervento al Prefetto di Livorno, spiegando che sia la comunicazione di Autorità Idrica Toscana (leggi qui l'articolo) che quella della Regione Toscana (leggi qui l'articolo), giunte in un momento in cui il Comune ha poteri limitati per le elezioni amministrative, costituiscono "una grave violazione dei diritti dei cittadini". 

Qui di seguito pubblichiamo la lettera che il sindaco di Capoliveri, Ruggero Barbetti, ha inviato al Prefetto di Livorno in data di oggi 1 Giugno 2019.

"Egr. Sig. Prefetto,

con nota a firma dell'Assessore Fratoni la Regione Toscana inviava in data 30 maggio 2019 via PEC a questa amministrazione la bozza di un 'Accordo per l'approvvigionamento idropotabile dell'Isola d'Elba al fine di garantire l'autonomia idrica - Realizzazione del dissalatore I lotto e I stralcio'.

Al di là di un comportamento singolare che affronta un tema così delicato senza un preventivo dialogo né alcuna occasione di approfondimento delle criticità segnalate con la Delibera del Consiglio Comunale di Capoliveri n. 30/2019 in data 9 Aprile 2019 (leggi qui l'articolo), particolarmente inopportuna appare la richiesta di provvedere ad inviare osservazioni e/o integrazioni entro 15 giorni, salvo stabilire unilateralmente che a tale scadenza l'accordo sarà considerato definitivo.

Senza dimenticare la comunicazione dell’Autorità Idrica della Toscana che in data 29 maggio intimava al Comune: 'che, entro 10 giorni dal ricevimento della presente, codesta amministrazione comunale ha diritto di presentare a questa Autorità le proprie osservazioni, eventualmente corredate da documenti' riguardo all’istanza del Comune di Capoliveri di assumere determinazioni in autotutela per l’annullamento del Decreto del Direttore Generale di AIT n. 62/2017.

Come certamente noto il Comune di Capoliveri si trova in uno stato di vacatio dei propri organi in ragione dell'esito della consultazione elettorale e del ricorso al ballottaggio e pertanto nell'impossibilità di assumere atti, anche politici, di manifestazione di volontà vincolanti.

Una tale iniziativa da parte della Regione Toscana integra pertanto una grave violazione dei diritti dei cittadini di questo Comune, nella cui giurisdizione ricade l'intervento del dissalatore, secondo gli atti non ancora annullati nonostante la richiesta di provvedimento in autotutela di cui alla citata delibera.

Vale la pena di ricordare che il progetto è stato approvato senza integrale copertura finanziaria e che per questo necessita di un ulteriore pronunciamento dei Comuni in relazione all'impegno pur generico a reperire per il futuro risorse per il completamento dell'intervento nonché per l'acquisizione di ulteriori tranche di finanziamento a carico di fondi della Regione Toscana e di fondi ministeriali.

Le chiedo pertanto, tenuto conto altresì degli eventuali connessi profili erariali e comunque a tutela del corretto esplicarsi delle rispettive competenze istituzionali, di assumere ogni iniziativa che ritenga opportuna ed idonea a riportare ordine e correttezza nei rapporti istituzionali con il Comune di Capoliveri e comunque nel rispetto dell'Elba tutta.

Mi sia consentito, con l'occasione, di esprimere la preoccupazione che mentre si mettono sul tavolo progetti faraonici e non ancora finanziati, si trascuri più o meno consapevolmente la manutenzione della condotta sottomarina il cui corretto funzionamento rientra negli obblighi del soggetto gestore con la conseguenza di gravi danni e responsabilità nel caso in cui tale obbligo non fosse adeguatamente adempiuto e con la necessità, pertanto, di una sensibilizzazione della società ASA in tal senso ed in via preventiva di disagi e conseguenti iniziative giudiziarie".



Tag

Andrew Basso, l'Houdini di Trento (che ti soffia le monete sotto il naso)

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

Attualità