Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:35 METEO:PORTOFERRAIO23°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 19 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecoattivisti spruzzano vernice contro sito Stonehenge

Attualità domenica 06 agosto 2023 ore 18:00

All'Elba le prime 54 tartarughine della Toscana

Nella notte le tartarughine marine del nido sulla spiaggia di Galenzana sono nate e hanno fatto il loro ingresso in mare. Legambiente cerca volontari



CAMPO NELL'ELBA — Era da qualche giorno che le volontarie e i volontari di Legambiente facevano turni di sorveglianza 24 ore su 24 in attesa che dal nido scavato nella notte del 15 giugno da una tartaruga marina nella magnifica e appartata spiaggia spiaggetta di Galenzana, nel Comune di Campo nell’Elba e nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, nascessero i piccoli. Ma dopo il grosso temporale della notte tra il 4 e il 5 agosto le speranze che nella sabbia si aprisse il piccolo buco ad imbuto erano poche, e invece, lì sotto, a poche decine di centimetri sotto la sabbia, qualcosa stava succedendo.

Lo spiega Legambiente Arcipelago Toscano in una nota.

E alle 11,25 di un miracoloso e fresco 5 agosto, 51 piccole tartarughe marine Caretta caretta sono emerse improvvisamente dal nido, sciamando sulla sabbia illuminata dalle luci rosse – che a differenza di quella bianca non disturba e attrae le tartarughe – dai volontari di Legambiente e si sono precipitate in mare seguendo la pista che era stata preparata nei giorni scorsi, come raccontano da Legambiente.


Un nuovo piccolo miracolo seguito con attenzione, cura e prudenza da chi da 2 mesi cerca tracce e nidi sulle spiagge dell’Isola d’Elba e ne ha trovati e messi in sicurezza 6, un record per l’Elba e la Toscana.

La meraviglia e lo stupore si sono ripetuti poco dopo, alle 1,55 del 6 agosto, quando dal nido di Galenzana ha fatto faticosamente capolino un’altra tartarughina, poi seguita da altre due piccole esploratrici della notte e del mare, che sono scompare come le altre nel mare nero illuminato dalla luna.

Ora volontarie e volontari di Legambiente – in accordo con il Parco Nazionale Arcipelago Toscano e il Progetto europeo LIFE Turtle Nest che vede la Partecipazione di ARPAT e università di Pisa e Siena - continueranno a vigilare sul nido di Galenzana e le tartarughine per una settimana circa, poi i ricercatori di ARPAT, Istituto zooprofilattico e università scaveranno il nido per contare le uova schiuse e quelle non schiuse, per scovare le possibili tartarughine “pigre” e quelle che purtroppo non ce l’hanno fatta. E’ il miracolo magnifico e crudele della vita che perpetua questa specie antichissima e pacifica.


Legambiente ringrazia volontari e volontarie che con il loro lavoro gratuito e disinteressato stanno permettendo che questo miracolo avvenga nella massima sicurezza. Un miracolo al quale tutti possono assistere rispettando delle precise e inderogabili regole:
Seguire scrupolosamente le indicazioni dei volontari di Legambiente, non superare mai le barriere a difesa del nido e della pista che porta al mare, non illuminare le tartarughine e non scattare foto con il flash, non entrare in mare, non disturbare il lavoro dei volontari.


Chiunque può partecipare a una bellissima impresa di tutela della natura, a conservare una specie così affascinante e Importante per il mantenimento degli equilibri marini e a contribuire a un’operazione di volontariato che sta dando un grande ritorno di immagine alla nostra Isola.


L'appello è rivolto a tutti gli Elbani, a tutti i nostri ospiti e agli operatori turistici che possono diventare volontari, guardiani dei nidi e coinvolgere i turisti in questa magnifica avventura.


Le mamme tartarughe e le tartarughine che nasceranno sulle nostre spiagge hanno bisogno di tutti noi.


Isa Tonso conclude: "Cerchiamo volontari non solo per continuare il pattugliamento mattutino delle spiagge alla ricerca di tracce, ma anche per fare i turni per sorvegliare i nidi di Galenzana, Lacona e Fetovaia al momento delle schiuse iniziate a Galenzana e che finiranno probabilmente a settembre a Marciana Marina e L’Innamorata. Chi ha fatto questa esperienza sa che vedere le tartarughine uscire dalla sabbia per raggiungere il mare è qualcosa che non si scorda mai, un’emozione imperdibile. Chi fosse interessato/a a dare una mano alle tartarughine perché possano raggiungere il mare in sicurezza e a partecipare a un’esperienza ambientale e scientifica, può contattarci a legambientearcipelago@gmail.com – 3407113722".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Nascita delle tartarughe marine sulla spiaggia di Galenzana, Campo nell'Elba
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I cittadini presenti nella zona sono subito intervenuti per paura che l'incendio di estendesse. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri forestali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Cronaca