Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:20 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
mercoledì 17 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sale su una piattaforma proibita per scattare un selfie e precipita nel vuoto: morta un’influencer russa

Attualità venerdì 29 aprile 2022 ore 19:20

Capo Poro, il Comune sospende i lavori

È inoltre stato intimato alla proprietà di riaprire il sentiero di accesso al faro che era stato chiuso senza che vi fossero i relativi permessi



CAMPO NELL'ELBA — Continua a far discutere quanto sta accadendo nella zona di Capo Poro. Infatti nei giorni scorsi la proprietà ha fatto installare dei cartelli che vietavano l'accesso al sentiero che conduce al faro.

Tuttavia tutto sarebbe stato fatto senza che il Comune di Campo nell'Elba abbia rilasciato nessuna autorizzazione in merito.

Con un provvedimento a firma del Responsabile dell’Area Tecnica Edilizia e Urbanistica del Comune di Campo nell’Elba Carlo Alberto Ridi, si legge infatti in una nota del Comune di Campo nell'Elba, ieri è stata intimata al proprietario l’immediata sospensione dei lavori e di lasciare libero il passaggio che conduce al Faro di Capo Poro.

Con questo provvedimento - proseguono dal Comune  - sarà di nuovo possibile accedere al faro e alle postazioni militari. Luoghi che erano diventati inaccessibili dopo che la società proprietaria dell’area interessata  aveva posto due recinzioni di cantiere lungo il sentiero 139 sia dal lato proveniente da Punta Bardella che dal lato proveniente da Colle Palombaia/Monte Cenno.

Nell’atto l’ufficio tecnico richiede una serie di integrazioni e il parere della Soprintendenza per il sentiero provvisorio ed alternativo già autorizzato dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. 

"Capo Poro è un luogo simbolico che deve rimanere accessibile per la mia Comunità e per quanti vorranno visitare un luogo di bellezza unica. - ha dichiarato il sindaco Davide Montauti - Quando fu venduto dal Demanio nel 2016, nessuno chiese al Comune di esercitare il diritto di prelazione. Di sicuro non avremmo lasciato un luogo che è una testimonianza storica del nostro territorio in mano ad un privato. A Capo Poro c'è un pezzo di memoria importante, la batteria militare, i bunker, la stazione vedetta e quello che resta degli edifici sono la testimonianza della guerra che ha segnato i nostri luoghi. Il faro è simbolo e punto di riferimento anche ideale per una Comunità". 

"Abbiamo scritto alla Soprintendenza ponendo una serie di quesiti e abbiamo chiesto di mettere per Batteria di Capo Poro lo stesso vincolo già presente sulla batteria dell'Enfola che presenta le stesse caratteristiche storico/culurali. Stiamo aspettando la risposta", ha concluso il sindaco.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A ricostruire la vicenda è il sindacato di polizia penitenziaria Sappe che torna a chiedere più mezzi e personale in servizio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Attualità

Sport

Attualità