Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:30 METEO:PORTOFERRAIO21°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 22 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana
Jovanotti a sorpresa torna sul palco e canta al Festival of The Sun in Toscana

Attualità mercoledì 28 dicembre 2022 ore 19:30

Capo Poro diventa bene di interesse culturale

​Provvedimento di tutela per l’ex batteria di Capo Poro. Soddisfatto il sindaco Davide Montauti per un atto che restituisce un bene alla comunità



CAMPO NELL'ELBA — Il Ministero della Cultura, attraverso il Segretariato Regionale per la Toscana ha dichiarato l’ex batteria di Capo Poro bene di interesse culturale ai sensi dell’articolo 10, comma 1 della legge n.42 del 2004, la norma che regola la tutela dei beni culturali e paesaggistici d’Italia in quanto possiede i requisiti di interesse storico-artistico e rimane quindi sottoposto a tutte le disposizioni di tutela contenute nel predetto decreto legislativo.

Lo ha reso noto l'amministrazione comunale di Campo nell'Elba.

“E’ un atto che restituisce a Capo Poro il suo valore e l’importanza che quel luogo riveste per il mio territorio e l’intera Comunità. – ha commentato il dindaco Davide Montauti - Questa decisione rappresenta un passo importante nella tutela di quel luogo”.

La decisione è stata presa nei giorni scorsi dalla Commissione regionale per il patrimonio culturale a seguito dell’istruttoria per la verifica d’ufficio dell’interesse culturale da parte della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio delle Province di Pisa e Livorno.

“Come sindaco ho il dovere di porre in essere tutte le iniziative per tutelare un luogo un luogo di memoria e di testimonianza. Capo Poro deve tornare ad essere fruibile dai miei cittadini e dai turisti come è sempre stato prima di essere venduto dal Demanio. Questa Amministrazione - spiega Montauti - ha partecipato all’istruttoria della Soprintendenza con una memoria nella quale, oltre a descrivere l’aspetto storico della batteria, tra le rare batterie costiere della Toscana e protagonista dell’operazione Brassard durante la seconda guerra mondiale, ha evidenziato il grande legame affettivo tra quel luogo e la mia Comunità”.

Capo Poro è da sempre un punto di riferimento per il territorio Campese. Il faro della Marina Militare che domina il Golfo di Marina di Campo è un punto di riferimento ideale e simbolico e il pezzo di storia che ha visto quel promontorio protagonista è ancora vivo e presente attraverso le tracce che sono rimaste a testimoniare guerra e atti di eroismo. 

Quando lo Stato, nel 2016, decise di vendere Capo Poro ad un privato nessuno chiese all’Amministrazione comunale di Campo nell’Elba di esercitare il diritto di prelazione. 

“Penso che doveva essere un atto dovuto trattandosi di un territorio di proprietà demaniale anche chiedere agli Enti preposti se quel bene era coperto da vincolo trattandosi di una batteria costiera costruita tra la prima e la seconda guerra mondiale. E’ certo che, se al tempo lo Stato avesse dato al Comune la possibilità di acquistare quel bene oggi non ci sarebbe una privata proprietà ma un Museo della Memoria incorniciato da un paesaggio di incredibile bellezza. Per questo abbiamo già manifestato la volontà di acquistare il bene se ci sarà data la possibilità di esercitare il diritto di prelazione ora che si è conclusa l’istruttoria per la verifica d’ufficio dell’interesse culturale con il riconoscimento del vincolo per l’ex batteria di Capo Poro. La nostra ferma posizione a difendere questo luogo – continua Montauti - è rafforzata dalla volontà di mantenere, consolidare e valorizzare il paesaggio, la biodiversità, la storia, la cultura e il legame affettivo della mia Comunità che caratterizza quella zona”.

Ad oggi Capo Poro è ancora inaccessibile. Il privato che ha acquistato il bene nel 2017 ha recintato ormai da mesi tutta l’area con pali di ferro, filo spinato, cancelli e lucchetti impedendo l’accesso alla batteria, al faro e chiudendo, di fatto, il sentiero 139.

“Abbiamo emesso un’ordinanza ad ottobre nella quale chiediamo al proprietario di rimuovere quella recinzione e di riaprire il sentiero. Ad oggi non è successo niente e scadono i termini il 24 gennaio”. 

Capo Poro è stato, il 27 maggio del 1943, scenario di un evento tragico che ha segnato la storia della Comunità campese perché quel giorno, in tarda mattinata, lo scoppio di un cannone provocò la morte di 5 giovani militari della Marina fra i quali il capocannoniere Francesco Pacini nato a San Piero. Per questo a maggio del 2021 l’Amministrazione ha deciso di dedicare una targa in memoria del tragico evento per restituire la dignità ad un ricordo che ormai rischiava di rimanere solo nella memoria degli anziani del Paese. 

“Anche per questo rivendichiamo la proprietà di un bene che era dello Stato e che devi rimanere nella piena disponibilità di tutta la Comunità campese. Con l’arrivo del privato Capo Poro è divenuto presto un’area dove gli interventi hanno iniziato a modificare il paesaggio: i sentieri sono diventate strade, sono arrivate le recinzioni, sono comparsi i cartelli posizionati sulla sentieristica del Parco per far desistere cittadini e turisti a visitare la batteria costiera e il faro. Il riconoscimento come bene culturale è per noi il primo passo nella restituzione di un luogo simbolo alla Comunità e nei nostri obiettivi c’è anche quello di farlo diventare un Museo della Memoria coinvolgendo le associazioni storico culturali locali. Come Sindaco e come cittadino vorrei che Capo Poro diventasse un luogo di memoria per le generazioni che verranno perché non c'è valore, rispetto, amore per il prossimo senza l'esercizio costante e collettivo della memoria”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'avaria ancora una volta riguarda il traghetto Moby Kiss. Ecco il racconto di un passeggero residente all'Elba che era a bordo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Monitor Traghetti

Attualità