QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 16°17° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 19 aprile 2019

LEGAMI D'AMORE — il Blog di Malena ...

Malena ...

Sono nata in un paese straniero e provengo da una famiglia italiana. Fin da giovane le persone si sono sempre confidate con me: donne, giovani, figlie, nipoti, sorelle, comari, amici. Restavano ore a raccontarmi le loro storie e i sentimenti provati durante i loro vissuti. L'argomento più chiacchierato è l'amore in tutte le sue sfaccettature e ho deciso pertanto di parlarne affinché si possa trarre spunto per riflettere sulla differenza di genere.

E se ci incontrassimo ?

di Malena ... - sabato 09 febbraio 2019 ore 14:20

Le situazioni nascono e si creano, se si vogliono. Difficile trovare, specie sul mondo di Facebook, una persona stimolante, al punto tale da volerla conoscerla personalmente, ma può capitare. Ersilio era uno di questi. L’unico capace di far nascere in Ludovica la curiosità di andare oltre, il maschio che l’ha risvegliata dal torpore nel quale da tempo era assopita. 

Dopo varie conversazioni, scambio dei numeri di cellulari, foto inviate su WhatsApp, ore passate a inviare e a ricevere messaggi dai toni seri, dai contenuti ludici fino al punto che parlare di tutto diviene naturale, confessare reciprocamente i propri vissuti quasi un obbligo, dirsi i gusti personali, per preparare un futuro, parlare delle loro fantasie come fosse un desiderio per stimolare i corpi di entrambi che reagiscono sempre, si arriva sempre ad un punto in cui ci si chiede: “E se ci incontrassimo?”. 

La domanda cade e decade e nessuno decide. Troppo complicato! Troppo coinvolgente! Qualcuno ci potrebbe lasciare le penne! Ludovica è donna ma soprattutto femmina. Adesso non è più disposta a perdersi nello sguardo di un orizzonte sempre troppo lontano, sempre troppo offuscato! Decide di dar retta alla sua incalzante pazzia e stufa di farla stare in prigione, apre la porta dell’avvenire, vada come vada.

Comunica a Ersilio la sua decisione e prenota un aereo. La mente corre su binari veloci come i treni dell’alta velocità. I preparativi sono per Ludovica il primo passo per accedere alle sue emozioni più profonde. Più si dice che va solo per conoscerlo, più nella valigia va a finire lingerie sexy e raffinata: baby doll si, bustier si, giarrettiera si, calze a rete si, autoreggenti si, push-up e tanga si, ma tanto quelli sono di routine. 

Ecco il giorno fatidico. Il tepore del sole accoglie la donna insieme alle braccia di Ersilio per i saluti. Durante il viaggio aveva già fantasticato a sufficienza ponendosi mille domande: “Mi piacerà? “Piacerò?” “Che dirà?” e il rimescolio della pancia diventava sempre più presente e pressante. I due si guardano veramente negli occhi, una volta fuori dall’aeroporto e, in entrambi, la viva emozione fa capolino nel sorriso impacciato di lei e nel brillare degli occhi di lui. Ersilio fortemente attratto lascia andare la tensione abbracciandola ancora e lei, con le gambe molli, vorrebbe già tornare indietro ed essere al sicuro fra le sue mura domestiche. Il suo cuore comincia a danzarle nel petto a dispetto della sua razionalità e la stende, sul letto prima ancora che accada sul serio. 

Ersilio è felice di vederla. Riconosce la donna con la quale fino a quel momento si era intrattenuto nel mondo virtuale. Adesso la vuol vedere tra le sue cose, nel suo letto, nel suo bagno, nel suo tramonto e nella sua alba. Ha il desiderio di vedere il suo viso prima ancora che i suoi occhi si aprano alla luce. Ludovica lo osserva molto, guarda le sue mani, i tratti del viso, poiché ha ancora bisogno di renderlo familiare, deve ancora considerarlo un uomo sicuro, un porto su cui può navigare, poiché le sue acque sono calme e poco agitate. 

Arrivano a casa. Gentilezza, ospitalità, galanteria, sono gli ingredienti su una tavola imbandita di cibi da mangiare, rigorosamente con le mani. Nel brindare con i calici di vino rosso in mano Ersilio esordisce: “Come sei bella!” Vero o non vero Ludovica si scioglie come neve al sole. Sente gli occhi di lui in ogni suo dove. Pur senza alcun contatto si sente fissata, osservata, penetrata dentro l’anima. Il vino malefico fa l’effetto dovuto e scorrendo nelle vene di Ludovica imporpora maggiormente le sue guance. La cena si consuma al lume di una candela e le fragole da affondare nel miele sono perfette per permettere a Ersilio di imboccare lei come fosse una bimba! Lei lascia fare ma il miele finisce a fior di labbra tanto da farla rimanere a labbra socchiuse. 

Si, Ersilio non può lasciare insoddisfatto il bisogno di lei. Si avvicina piano a quelle gocce di miele, per finire dentro un bacio lieve, talmente lieve, da essere quasi impercettibile a Ludovica. In lei nasce un desiderio estremo e nella mente urla al maschio di baciarla, di non essere così dolce e soave, poiché da sola non riesce a rompere il muro dell’incoscienza. Ersilio lo sa, lo sente che lei di li a poco, crollerà sul suo petto, ma non vuole procedere alle richieste di lei per rimanere ad essere il gentiluomo di sempre. Si limita a guardarla mentre parla, racconta, si muove! Ludovica gesticola molto per quello strano nervosismo che la assilla. Lui di tanto in tanto, fa un sorriso o un cenno di testa, per farle capire che la sta ascoltando. 

Lei ha finito le parole! Ha la gola secca! Lui le sfiora una mano. Intreccia le sue dita con quelle di lei e dice con ammirazione: “Che belle mani che hai! Ecco perché scrivi così bene!”. Lei a quel contatto si aggrappa come fosse un muro dal quale sta per cadere, scalando con le unghie una montagna vissuta fino ad allora solo attraverso la sua fantasia. Improvvisamente afferra la nuca di Lucio e incomincia a baciarlo! Al diavolo la coscienza! Adesso urge sentire la sue labbra per assaporare ancora quel dolce miele! Il bacio non accenna a soddisfarsi poiché dura per tutto il tempo. 

Per il tempo in cui lei affannosamente apre i bottoni della camicia e infila le sue mani nel petto possente di lui. Una mano tra i suoi capelli per meglio spingere il suo capo, nell’incavo della sua nuca poiché adesso vuol sentire le emozioni su tutto il corpo. Beh la storia segue il suo corso e non è il caso di continuare a raccontare per non interferire con la loro intimità ma se volete sapere una cosa, i due stanno ancora insieme e pensano di accorciare le distanze per poter vivere appieno la loro storia d’amore. 

L’amore nasce e cresce se lo si vuole!!!

Malena ...

Articoli dal Blog “Legami d'amore” di Malena ...

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Attualità

Cultura