Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:59 METEO:PORTOFERRAIO12°15°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 22 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Letizia Moratti balla e canta con Ivana Spagna sulle note di «The Best»

Attualità domenica 13 febbraio 2022 ore 14:05

Peste suina, "no ad iniziative isolate"

Federcaccia Nazionale e Toscana intervengono sull'ordinanza firmata dal sindaco di Portoferraio e gli chiedono un passo indietro



PORTOFERRAIO — "A pochi giorni dall’approvazione dell’ordinanza firmata dal primo cittadino di Portoferraio (LI) relativa alle disposizioni comunali sulla PSA, Federcaccia ritiene opportuno, per chiarezza nei confronti dei suoi soci e dei cacciatori, ribadire, come già espresso, di non condividere il provvedimento e pertanto invita il Sindaco a tornare sui suoi passi!"

Federcaccia Nazionale e Toscana commentano le misure disposte dal sindaco di Portoferraio per prevenire la diffusione della peste suina africana. Il sindaco ha infatti vietato sul territorio le gare e prove cinofile connesse alla caccia (vedi articoli correlati sotto).

"Anche le valutazioni in merito espresse dal Presidente dell’ATC 10 dell’Arcipelago Toscano siamo certi che siano il frutto di una riflessione non sufficientemente approfondita rispetto a quello che risulta essere il quadro normativo e le varie competenze istituzionali. - si legge nella nota - Proprio pochi giorni fa, in occasione di un importante seminario sulla peste suina africana organizzato in Toscana dalla Federcaccia e dalle varie associazioni aderenti alla CCT che ha visto la partecipazione di autorevoli esponenti della Regione Toscana, il Presidente Buconi all’unisono con Marco Salvadori, Presidente Federcaccia Toscana, ha ribadito con nettezza e senza mezzi termini la posizione della Federazione: “No ad ogni iniziativa isolata e fuori dalle linee ministeriali e regionali da parte di organi e autorità locali”".


"In Toscana, - proseguono le associazioni - a oggi è stata istituita una struttura di coordinamento tra Ministero, Autorità Sanitarie e Regione, per la gestione della problematica e per le necessarie azioni di carattere preventivo e per il monitoraggio del territorio. Il mondo venatorio toscano è impegnato a garantire il suo massimo apporto in termini di volontariato e di coinvolgimento attivo, per la gestione della problematica, sotto lo stretto coordinamento delle istituzioni preposte".

"No a fughe in avanti di qualunque genere dunque. - sottolineano da Federcaccia - Data la situazione e alla luce delle difficoltà che oggi assillano il mondo venatorio e l’intera società riteniamo necessario recuperare uno spirito di leale collaborazione tra tutti i soggetti interessati".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I proprietari ormai anziani devono trasferirsi in paese e cercano una sistemazione per il pony. Ecco le informazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Attualità

Politica

Spettacoli