Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:25 METEO:PORTOFERRAIO25°30°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 07 luglio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Boris Johnson: «È chiaro che debba esserci nuovo leader e premier»

Politica sabato 05 settembre 2015 ore 21:00

Alessi: "Alcune precisazioni sui lavori a Bagnaia"

Dopo il nostro articolo l'ex sindaco di Rio Elba fornisce alcune precisazioni sui finanziamenti per i lavori a Bagnaia. Noi facciamo altrettanto.



RIO ELBA — Quella che trovate di seguito è una missiva che Danilo Alessi, ex sindaco di Rio Elba, ha ritenuto necessario inviare per fare alcune precisazioni riguardo all'entità e all'uso dei finanziamenti ricevuti per i lavori al fosso di Bagnaia, materia di cui abbiamo dato conto in un precedente articolo (che potete leggere cliccando qui)

Alessi ci fa alcuni rilievi ai quali diamo, nella più assoluta correttezza e trasparenza, l'evidenza data all'articolo contestato. Per le stesse ragioni ci riteniamo in diritto di rispondere punto per punto a tali rilievi (le nostre risposte sono riportate fra parentesi e in grassetto corsivo).

"Egr. Sig. Luca Lunedì,

ho avuto occasione, nei giorni scorsi, di leggere il Suo articolo su “Qui News Elba” ove descrive sommariamente la storia dei lavori, in parte eseguiti, per la mitigazione idraulica del Fosso di Bagnaia.

In quell’articolo ho purtroppo riscontrato notizie ed affermazioni non precise e anche del tutto difformi dalla realtà. (Su questo lasciamo il giudizio al lettore)

Devo innanzitutto farLe presente, per correttezza nei confronti di chi mi ha preceduto, che se è vero che l’ex vice sindaco Luigi Paoli e l’ex- tecnico comunale Arch. Gaballo hanno ricevuto un avviso di garanzia per abuso d’ufficio in ordine ai lavori della nuova passerella realizzata dalla precedente Amministrazione nel 2009, è anche vero che il procedimento penale a loro carico è stato successivamente archiviato su richiesta dello stesso Pubblico Ministero. (Mai affermato il contrario, abbiamo riportato la notizia pubblica dell'avviso di garanzia come indice di un interessamento delle fiamme gialle alla vicenda)

Quanto al contributo ricevuto nel 2007 dalla Regione Toscana per la esecuzione di tutte le opere necessarie per la mitigazione idraulica del fosso, Le fornisco i chiarimenti che seguono.Il contributo concesso ammonta a 990.000 euro. (Infatti scrivemmo "quasi un milione di euro" come riportato anche da un comunicato stampa diffuso il 18 settembre 2010 dalla stessa amministrazione riese)

Per la progettazione generale dei lavori relativi alla realizzazione della passerella, la precedente Amministrazione ha utilizzato parte di tale contributo per una somma complessiva di 127.518,84 euro. Di conseguenza ad oggi la disponibilità per l’esecuzione dei lavori previsti dal progetto esecutivo predisposto dalla mia Amministrazione e che l’attuale, per quanto dichiarato, si appresta
ad appaltare, ammonta a 871.481,16 euro.

Tale importo è facilmente riscontrabile nel bilancio di previsione 2015 approvato dal Consiglio comunale di Rio nell’Elba con delibera n° 42 del 6/8/2015, e precisamente (Alt: il nostro articolo è stato pubblicato il 18 agosto e la delibera del bilancio di previsione 2015 è stata pubblicata sull'albo pretorio del Comune il 21 agosto. Non abbiamo ancora doti di preveggenza):

- 308.806,68 conservati come residui passivi provenienti dal Cap. 2751 degli esercizi finanziari 2006, 2011 e 2013;

- 353.616,59 risultano come avanzo applicato al bilancio di previsione 2014 non utilizzato;

- 209.057,89 allocati al Cap. 2751, art. 3 del bilancio 2014 come reintegro di somme anticipate per gli interventi effettuati nel bacino di Nisporto in attesa della erogazione finale da parte della Regione del contributo concesso per tale località.

Per quanto dettagliatamente sopra esposto risulta quindi del tutto errato che la somma rimasta “in cassa” ammonterebbe “a poco più di 350.000 euro”, come Lei ha scritto nell’articolo citato (Non è errato: nel bilancio di previsione 2014, approvato il 29 settembre, è riportata esattamente la voce "AVANZO DI AMMINISTRAZIONE : FINANZIAMENTO SPESE IN CONTO CAPITALE - FOSSO BAGNAIA 353.616,59). 

Presumo che la gravità di tale errore possa essere stata determinata da una superficiale lettura del bilancio - è probabile, infatti, che Lei abbia preso nota solo dell’avanzo applicato al bilancio 2014 che è appunto di 353.616,50 euro (Più che altro una lettura attenta dell'ultima fonte disponibile aggiornata, come sopra riportato) - o da informazioni ricavate da fonti per lo meno inaffidabili se non addirittura originate da manifesta malafede (Sull'affidabilità delle fonti ci permetta l'ex sindaco Alessi di tenere l'usuale riserbo. In questo caso, comunque, si tratta di fonti documentali).

Se poi quanto da Lei scritto circa la presunta insufficienza dei fondi disponibili (nessuna insufficienza presunta, solo voci di bilancio. Dell'uso fatto se ne chiede conto, non si sono fatte accuse) lo si legge in combinato a quello strano riferimento ai contributi concessi dalla mia Amministrazione alla “Associazione Amici di Bagnaia” (il riferimento non è "strano" dato che tutto l'articolo origina esattamente da una lettera di tale associazione. Giusto quindi rendere conto dei passati rapporti dell'associazione con l'amministrazione), è evidente la volontà di far sorgere il sospetto di un utilizzo improprio di una buona parte del finanziamento regionale (nessuna volontà di far emergere alcun sospetto, abbiamo riportati i fatti come resi pubblici dai bilanci. Fino a prova contraria siamo sicuri che i finanziamenti all'associazione fossero più che giustificati), se non di una vera e propria distrazione di fondi per finalità diverse da quelle per cui fu concesso (anche qui, siamo abituati a scrivere attenendoci alla presunzione di innocenza, mai fatto intendere l'esistenza di un'ipotesi di reato).

Mi permetto di informarLa, nel merito, che i contributi elargiti ammontano a poche migliaia di euro – Lei stesso ha ricordato che il contributo del 2013 è stato di appena 3.800,00 euro - ed hanno sempre trovato copertura finanziaria in capitoli del bilancio corrente, e quindi tra le spese correnti del bilancio e non tra le spese in conto capitale e tanto meno tra quelle relative ai lavori da eseguire sul fosso di Bagnaia (mai scritto il contrario). 

In ogni caso per ulteriori delucidazioni e precisazioni e a conferma di quanto dichiarato Lei potrà sempre e comunque rivolgersi, se lo ritiene opportuno, all’Ufficio Ragioneria del Comune (al momento non ne sentiamo il bisogno ma grazie lo stesso).

Sono certo che vorrà pubblicare integralmente e con la dovuta evidenza questa mia nota (fatto), evitandomi il fastidio di ricorrere a vie legali a difesa dell’immagine dell’Amministrazione a suo tempo da me guidata (lungi da noi recarle fastidio), così come mi sto apprestando a fare nei confronti dell’attuale Amministrazione per quanto contenuto nella delibera di Giunta del 28/8 u.s. e per le conseguenti dichiarazioni apparse in questi giorni sulla stampa locale.

Cordiali saluti.
Danilo Alessi
Sindaco del Comune di Rio nell’Elba 2009-2014"

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È partito da Empoli con la sua bicicletta speciale da lui realizzata per raccogliere fondi a sostegno di un gruppo di ragazzi down di Fermo
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Lavoro

Attualità

Attualità