Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:32 METEO:PORTOFERRAIO17°18°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 15 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Medico di famiglia, tutto quello che non funziona. Ecco cosa deve cambiare

Attualità martedì 13 dicembre 2022 ore 06:00

Piano unico per la gestione dei rifiuti nei porti

Approvato un documento unico per la raccolta e la gestione dei rifiuti nei porti di Livorno, Piombino, porti elbani e di Capraia



PROVINCIA DI LIVORNO — Livorno, Piombino, i porti elbani e quello di Capraia danno il via a  un piano unico di gestione e raccolta dei rifiuti delle navi.

Il documento, che aggiorna e riunisce i piani a suo tempo pubblicati dalle due Autorità Portuali competenti, quella di Livorno e quella di Piombino, è stato presentato in Comitato di Gestione, dopo aver ricevuto con decreto della Regione il parere di conformità rispetto al Piano regionale di gestione dei rifiuti e bonifica degli inquinanti.

Con il nuovo piano, l'Autorità di sistema portuale si propone di fornire un servizio completo a tutte le navi che approdano negli scali portuali di competenza, per l'intero ciclo di gestione dei rifiuti. L'obiettivo è quello di fornire un servizio di raccolta e gestione che risponda a criteri di facilità di utilizzo, efficienza, economicità, e sicurezza per l'ambiente e per la salute. Non solo verrà promossa la raccolta differenziata al fine di favorire il recupero di materiale dai rifiuti, in un'ottica di economia circolare, in coerenza con il Piano Regionale dell'Economia Circolare e delle Bonifiche.

Il Piano introduce, inoltre, delle novità anche sul piano tariffario. Le tariffe saranno ora composte da una tariffa indiretta, fissa, e da una diretta, eventuale. La prima sarà corrisposta dalle navi ad ogni attracco, indipendentemente dal conferimento dei rifiuti. Il pagamento di questa tariffa dà alle navi la possibilità di conferire, senza oneri aggiuntivi, i rifiuti solidi compresi nell’Annex V della Convenzione Marpol, diversi dai residui del carico, per una quantità pari alla capacità di stoccaggio di bordo, come risulta dai documenti della nave. La seconda verrà corrisposta per il conferimento di rifiuti non compresi nella tariffa indiretta e sarà calcolata, secondo i criteri previsti dal Piano, sulla base della tipologia e della quantità di rifiuti conferiti e determinata a conclusione della procedura ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio. 

Sono inoltre stati previsti specifici criteri per l'elaborazione delle tariffe da applicare alle navi di linea che effettuano scali frequenti e regolari, nonché per le navi green e per i conferimenti differenziati. Sono state, inoltre, introdotte agevolazioni per i pescherecci e per le imbarcazioni da diporto ed è stata introdotta la categoria dei "rifiuti accidentalmente pescati", come previsto dalla legge n. 60/2022, cd. "Salvamare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo la ricostruzione degli inquirenti c'era una vera e propria struttura organizzativa per rilasciare permessi anche contro la legge
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Cronaca