QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 14°23° 
Domani 16°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 17 giugno 2019

Cronaca martedì 11 agosto 2015 ore 15:46

Una barca in fiamme e una stava affondando

Due interventi della Guardia Costiera nella giornata di ieri: un'imbarcazione ha preso fuoco al largo del Cavo e un'altra stava affondando alle Gemini



PORTOFERRAIO — Giornata intensa quella di ieri per i militari della Capitaneria di Porto di Portoferraio che hanno operato due importanti soccorsi ad imbarcazioni da diporto in serie difficoltà. 

Una prima richiesta di aiuto è stata lanciata intorno alle ore 14.50 da un’imbarcazione a motore di circa 14 metri, battente bandiera francese, al largo del porto di Cavo con 4 persone a bordo che, a causa di un incendio nel locale macchine, estinto con le dotazioni antincendio, e conseguente totale avaria dei sistemi di bordo, stava pericolosamente derivando verso la scogliera. 

Immediatamente sono scattate le operazioni di soccorso con l’intervento della dipendente M/V CP 892 che, partita da Portoferraio, in pochi minuti ha raggiunto l’imbarcazione in difficoltà provvedendo ha fornire tutta l’assistenza necessaria. Una volta stabilizzata la situazione ed accertato che non vi fosse più pericolo per le persone, con l’ausilio del mezzo navale del Gruppo Ormeggiatori di Portoferraio, l’unità è stata trasferita presso il cantiere navale portoferraiese ESAOM. 

La seconda richiesta di soccorso è pervenuta alle ore 19.25 circa tramite “Mayday” sul canale radio per le emergenze in mare da un’altra imbarcazione a motore di 12 metri con 4 persone a bordo, battente bandiera italiana, in prossimità delle Isole Gemini a sud dell’Isola d’Elba che, verosimilmente per un incaglio in secca e conseguente apertura di una falla sullo scafo, stava imbarcando acqua. Istantaneamente sono scattate le operazioni di soccorso con l’impiego della M/V CP 892 e del gommone GC 131. 

I militari hanno subito intuito che la situazione era critica e che all’imbarcazione restavano pochi minuti di galleggiabilità. Pertanto, è stato disposto l’intervento di un mezzo privato che da Porto Azzurro ha, in pochi minuti, raggiunto il luogo del sinistro per rimorchiare l’unità in difficoltà presso un approdo adeguato. 

Il tutto reso ancora più difficoltoso dal peggiorare delle condizioni meteo sulla zona. Dopo un paio d’ore di navigazione, durante la quale l’unità compromessa continuava a venire svuotata dall’acqua grazie ai sistemi di esaurimento mobili della M/V CP 892 e dai militari della GC saliti a bordo dell’imbarcazione, il convoglio giungeva presso il porto di Marina di Campo dove, con l’ausilio della gru a disposizione del cantiere Battaglini, l’unità sinistrata veniva definitivamente alata e posta in sicurezza a terra. 

Provvidenziale per il successo delle operazioni di soccorso è stato sia l’intervento degli uomini e dei mezzi della Capitaneria di Porto, che senza ritardo hanno raggiunto le unità in difficoltà e svolto le prime tempestive operazioni di svuotamento fondamentali per evitare l’affondamento dell’unità, sia l’intervento dei soggetti che a vario titolo hanno fattivamente collaborato con la Guardia Costiera riuscendo a scongiurare conseguenze ben più gravi sia per le persone a bordo che, in caso di affondamento, per l’ambiente.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Spettacoli

Attualità