Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PORTOFERRAIO21°27°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 23 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius
Il video del matrimonio di Diletta Leotta: l'arrivo all'altare e il bacio con Loris Karius

Attualità lunedì 22 giugno 2015 ore 19:04

​Un territorio non adatto a risolvere il problema

L'Associazione per la Difesa dell’Isola di Pianosa respinge la proposta rilanciata in questi giorni di fare sull'isola un centro di accoglienza



CAMPO NELL'ELBA — "Pianosa non è Ellis Island, ma un “pezzetto” di Italia che senz’altro sarebbe disposta ad accogliere, per motivi umanitari, coloro che hanno bisogno di assistenza. Se Pianosa fosse stata al Sud della Sicilia, senz’altro avrebbe fatto la sua parte, come fanno gli amici di Lampedusa con grande sacrificio. 

Le difficoltà geografiche sono evidenti, e se anche queste si potessero superare con grande impegno di denaro pubblico, certo non si assolverebbe al compito umanitario. Pianosa ha un patrimonio edilizio rilevante, ereditato dal suo passato carcerario, ma purtroppo completamente fatiscente e non utilizzabile, se non in minima parte e in modo approssimativo, non ha risorse idriche sufficienti, non ha adeguati impianti di smaltimento per le acque reflue e poi molti, molti altri sono gli impedimenti di carattere logistico che non la rendono idonea ad essere utilizzata per accogliere la moltitudine dei profughi. 

Questi e altri problemi, che si trascinano da tanti anni e che con gli anni si accrescono sempre più, andranno risolti, qualsiasi sia l’utilizzo futuro dell’isola. Un utilizzo con la strada segnata dai valori naturali e storici, che la rendono idonea ad un turismo ambientale contingentato.

Sono altri i modi da studiare e mettere a punto per risolvere il problema profughi e non entriamo noi nel merito della questione. Se la proposta Pianosa rappresenta una provocazione per tentare di raggiungere più velocemente una soluzione del problema, allora ben venga questo tentativo, perché il problema è grave e anche un singolo tentativo merita di essere perseguito. 

Se invece la proposta Pianosa ha il mero obiettivo di relegare una moltitudine di bisognosi lontano dalle nostre città a costi salatissimi, allora questo è inaccettabile. Pianosa ha allontanato dalle nostre città, tramite il carcere, delinquenti e mafiosi e le due situazioni non sono minimamente paragonabili. Se questo fosse il vero motivo che ha messo “in ballo” Pianosa, cui si aggiungesse anche la strumentalizzazione politica locale, allora si starebbero costruendo una informazione distorta e un cattivo servizio alla collettività.

Pianosa ha l’unico destino di paradiso ambientale, va aiutata in questo percorso e sarà una ricchezza per il nostro Paese. Accostare il nome dell’Isola ad iniziative diverse la danneggia e fa regredire dai miglioramenti gestionali degli ultimi tempi che, seppur picocli, hanno fatto ben sperare per il futuro".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
È venuto alla luce ieri il piccolo Damiano, figlio della giornalista Dina Maria Laurenzi della redazione di QUInews-Toscanamedia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Attualità