Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PORTOFERRAIO20°22°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 25 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco il tour mondiale dell'Amerigo Vespucci: le tappe
Ecco il tour mondiale dell'Amerigo Vespucci: le tappe

Cronaca domenica 16 aprile 2023 ore 11:05

Discarica abusiva vista mare in area vincolata

L'area posta sotto sequestro
L'area posta sotto sequestro

Rifiuti speciali e pericolosi in parte incendiati per un peso di 500 tonnellate sono stati scoperti dalla guardia costiera. E' scattato il sequestro



RIO — Rifiuti speciali e pericolosi, in parte incendiati, fra veicoli e persino una roulotte, pneumatici, bombole di gas, materiali infiammabili e corrosivi, moduli per pontili e cordame nautico per un peso complessivo stimato in 500 tonnellate sono stati scoperti dalla guardia costeria di Portoferraio su un'area vista mare dell'Isola d'Elba, sottoposta a vincolo, lungo la strada provinciale 26 che collega Rio Marina a Cavo.

Ignoti hanno nel tempo trasformato un'area di circa 2.500 metri quadrati in un deposito incontrollato di rifiuti, un'autentica discarica abusiva a cielo aperto. L’operazione condotta dai militari del nucleo operativo per la protezione ambientale del compartimento marittimo di Portoferraio e dell’ufficio locale marittimo di Rio Marina, è scattata ieri a seguito della segnalazione di un incendio divampato nel primo pomeriggio.

Ebbene lì, a pochi metri dal mare, ecco il rinvenimento di diversi autoveicoli e motocicli, una roulotte e numerosi rifiuti speciali e pericolosi, tra i quali moduli per pontili galleggianti, pneumatici, tubi in pvc, cordame nautico, bombole di gas, materassi, televisori, taniche di vernici ed altri materiali infiammabili e corrosivi, inerti provenienti da attività edile, materiale di risulta da falciatura e potatura di vegetazione ed altri rifiuti di ferro e plastica.

L’area di abbandono è a elevato rischio idrogeologico ed è soggetta a particolari vincoli paesaggistici e ambientali perché fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. E' scattato il sequestro, effettuato dalla guardia costiera sotto la direzione della procura di Livorno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno