Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PORTOFERRAIO19°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 30 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Thiago Motta e il viaggio on the road in motocicletta, da Bologna a Cascais in Portogallo: il video girato dalla moglie

Attualità mercoledì 28 dicembre 2022 ore 17:15

Sei obiettivi per la sanità toscana del futuro

Da sinistra l'assessore Bezzini, il presidente Giani e il direttore Gelli
Da sinistra l'assessore Bezzini, il presidente Giani e il direttore Gelli

Cambiamenti in vista già nel 2023 per il sistema sanitario toscano che punta ad essere più digitale, performante e vicino ai cittadini. Il progetto



FIRENZE — Sei obiettivi di riorganizzazione, valorizzazione e potenziamento dai piccoli ospedali ai pronto soccorso ai consultori passando per i Cup e per i canali sanitari online: è la sanità del futuro, resa più digitale e più vicina ai cittadini da riforme avviate o in ponte per centrare i target già nel corso del 2023. A presentare stamani il sistema salute che verrà sono stati in una conferenza stampa il presidente della Regione Eugenio Giani, l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini con il direttore della sanità Federico Gelli.

Il progetto è ambizioso e punta a rendere più performante il sistema. Il pacchetto di obiettivi 2023 prevede, nello specifico, la riorganizzazione dei centri unici di prenotazione (Cup) con potenziamento in parallelo dei canali on line, quella dei pronto soccorso, la valorizzazione dei piccoli ospedali ritagliando una specializzazione per ciascun presidio. 

E poi ancora ecco il rafforzamento della rete dei consultori, la cartella sanitaria unica con sistemi informatici che fino ad oggi non hanno dialogato tra loro spostati su una stessa piattaforma, e un sistema informativo territoriale ulteriormente evoluto.

Fatto e da fare

I sei obiettivi sono perseguiti con riforme che la Toscana ha già avviato nelle ultime settimane e con altre che terrà a battesimo nei prossimi mesi. Presidente ed assessore raccontano, nel corso di una conferenza di fine anno, il filo rosso che le tiene insieme: dalle nuove linee sull’emergenza urgenza alla continuità assistenziale (ovvero le vecchie guardie mediche dislocate sul territorio), dal numero unico 116117 per le cure non urgenti al trasporto sanitario e per i soggetti con fragilità, dalla mobilità sanitaria alla nascita del dipartimento interaziendale del farmaco con compiti di ottimizzazione dell’erogazione di farmaci a pazienti cronici o in dimissione che assumono la terapia a domicilio. 

Il 2023 vedrà poi l'attivazione di un coordinamento regionale sull’efficientamento energetico, per provare a mitigare nel tempo il caro bolletta che nel 2022 ha pesato sul sistema sanitario toscano con quasi 200 milioni di euro in più.

La sanità toscana oltre il Covid

“Dopo aver affrontato la pandemia ed aver garantito uno dei massimi gradi di resilienza del sistema sanitario del Paese, come evidenziato dai rapporto di Agenas, la Toscana si proietta adesso nel futuro con una stagione di cambiamenti e riforme”, commentano Giani e Bezzini. 

“Guardare al futuro – ribadisce l’assessore - significa infatti ragionare sulle riforme e ragionare su nuovi progetti ma anche investire sul digitale, che i cittadini hanno imparato ad utilizzare in modo più ampio durante la pandemia, quando su certi canali c’è stata un’accelerazione, e che adesso devono diventare qualcosa di strutturale”. 

“Parliamo di riforme - conclude Giani – e non si tratta solo di promesse, ma di atti già approvati”. “Come Toscana stiamo facendo la nostra parte. Certo 2 miliardi di euro sulla sanità in una manovra del governo nazionale che ne conta 35 sono troppo pochi: c’era la necessità di stanziare almeno il doppio e lo dicono tanti presidenti di opposte impostazioni politiche”.

Tutti i cambiamenti

Sa di nuovo la sanità Toscana che guarda al futuro, con il via libera al nuovo sistema dell’emergenza urgenza e la continuità assistenziale garantita dalla guardie mediche è arrivata poche settimane fa, a Dicembre. La giunta regionale ha approvato i nuovi indirizzi e le linee programmatiche che poi le aziende sanitarie dovranno attuare nei prossimi 4 mesi.

Le criticità da risolvere riguardavano la presenza di modelli di gestione troppo disomogenei tra territorio e territorio, un elevato tasso di medicalizzazione e postazioni di emergenza sanitaria territoriale a bassissimo livello di attività. 

Si punta ora alla costruzione di una rete più capillare, ad omogeneizzare il sistema, ad aumentare le ambulanze con infermieri ma anche automediche con medico a bordo e ad assicurare la giusta integrazione con la medicina di urgenza degli ospedali, a rafforzare il coinvolgimento e l’integrazione con gli enti di volontariato - specificità toscana – e a potenziare alcuni pronto soccorso.

Il servizio di guardia medica dopo mezzanotte sarà riorganizzato e le ore liberate saranno utilizzate anche per attribuire incarichi provvisori, soprattutto nelle aree interne e più periferiche dove non è stato possibile sostituire il medico di famiglia andato in pensione e per rafforzare l’assistenza nel territorio nelle ore diurne a favore di malati cronici ed oncologici. 

Inoltre, in alcuni ospedali selezionati da un apposito gruppo di lavoro regionale, saranno sperimentate postazioni di continuità assistenziale in prossimità dei pronto soccorso.

Si semplifica l’accesso alla cure non urgenti, attraverso il numero unico 116117. Nel 2023 arriveranno inoltre novità sul fronte del trasporto sanitario: prescrizione con ricetta elettronica dematerializzata, con maggiore appropriatezza, migliore organizzazione e l’informatizzazione completa di tutto il processo. Per il trasporto di persone con fragilità e che devono recarsi in strutture del sistema sanitario regionale ci saranno invece voucher gratuiti, da richiedere alle Asl e distribuiti sulla base di tetti Isee e criteri chilometrici, a partire dal 15 Gennaio.

Ai nastri di partenza, già licenziata dalla giunta, anche la nuova architettura dell’assistenza territoriale, che con l’arrivo di case di comunità, ospedali di comunità e centrali operative territoriali cambierà pelle alla sanità


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Marcella Merlini, candidata a sindaco di Portoferraio della lista "Bene Comune" spiega le due ragioni per cui non partecipa al confronto sul bilancio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Elezioni

Attualità