Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Politica lunedì 03 gennaio 2022 ore 08:14

Porto turistico, dubbi sulla proposta del privato

Dopo che la giunta ha approvato ritenendola di interesse una proposta per affidare la gestione per 30 anni, l'ex sindaca Mancuso solleva dubbi



RIO — "Il porto di Rio Marina attende da tempo la sua occasione. Le lunghe discussioni sulle scelte del piano regolatore portuale e sulla localizzazione del molo d’attracco per le navi per ottimizzare l'incremento di posti barca; l'estenuante ricerca di una viabilità alternativa pretesa dalla Regione Toscana a fronte di presunti incrementi di traffici quando in realtà il porto di Rio assorbiva già tutta l'utenza del versante orientale, con problemi di viabilità per l’unico accesso esistente; una previsione del primo stralcio che consentisse di ampliare il porto turistico senza interferenze con il collegamento dei traghetti".

Ad intervenire sulla questione è Paola Mancuso, ex sindaca di Rio Marina ed ex segretario generale dell'Autorità portuale, dopo che la giunta comunale di Rio, guidata dal sindaco Corsini, con una delibera ha ritenuto meritevole di interesse un progetto di project financing presentato da una società privata.

"Queste discussioni - spiega  Mancuso - hanno tenuto per anni banco in un confronto franco e corretto tra Autorità Portuale e Comune di Rio Marina, tra lavoro degli uffici e dibattiti pubblici. Ma ecco che ad un tratto l'attuale amministrazione trova una ricetta miracolosa che peraltro di elbano ha solo (almeno) il coinvolgimento di una società locale, chiamata a collaborare non si sa bene a quale titolo ed in che modo con una società con sede a Roma che deposita agli atti del Comune di Rio una proposta di Project financing che, nelle aspettative del proponente - ed a quanto pare nei propositi della giunta comunale - dovrebbe consentire la gestione del porto di Rio Marina per 30 anni."

Paola Mancuso

"Vale la pena di entrare per un istante sul piano tecnico tentando di semplificare per tutti i concetti. - prosegue  Mancuso - Chi propone un Project financing fa sostanzialmente un terno al lotto nel caso in cui l'amministrazione dichiari la fattibilità dello stesso e lo inserisca tra gli obiettivi nella sua programmazione. Questo comporta infatti che la successiva procedura ad evidenza pubblica possa individuare anche proposte migliori ma che l'originario promotore possa farle proprie ovvero possa modificare il proprio progetto, coerentemente con i miglioramenti proposti da altri rimanendo lui l’aggiudicatario della concessione. Alla luce di questo si comprende facilmente come la delibera della giunta comunale del 6 dicembre 2021 abbia compiuto un atto fondamentale per il futuro del paese senza neanche curarsi di un minimo di informativa preventiva per non parlare di partecipazione".

"E’ doveroso pertanto provare a comprendere se la ricetta sia davvero miracolosa o sia purtroppo al contrario l'usurpazione di un sacrosanto diritto di andare a verificare davvero la migliore proposta per il paese. - aggiunge Mancuso - Basta un'occhiata agli atti per comprendere che nessuna verifica dei requisiti del soggetto proponente è stata fatta prima di assegnare un tale privilegio nella procedura, quando invece la legge prevede che il promotore di un Project financing debba avere gli stessi requisiti del futuro titolare della concessione. Basta un'occhiata agli atti per vedere che l’interesse pubblico che l'amministrazione perseguirebbe con questa operazione è quello della riqualificazione dei voltoni ovvero di un obbligo che lei stessa aveva assunto con il trasferimento al comune di questi locali secondo le norme del federalismo demaniale… ed oggi dichiara di inserire questo obiettivo tra quelli strategici dell'amministrazione grazie all’illuminazione di un soggetto privato!"

"Ma soprattutto - aggiunge Mancuso - questa enorme fortuna si verificherà solo quando sarà realizzato l’ampliamento da parte dell'Autorità di Sistema Portuale e moltiplicati i guadagni perché fino ad allora la benigna sorte lascerà agli abitanti di Rio un servizio affidato per 30 anni a condizioni che non costituiscono parametro della procedura di gara. Appare da ultimo quasi un'ovvietà… Ma anche le casse del comune sì sacrificheranno pur di consentire che la ricetta sia cucinata e si accontenteranno di una remunerazione irrisoria rispetto alla redditività di un porto turistico che comunque nessuno comparerà. Se nessuno è profeta in patria certamente a pescarne in continente siamo bravissimi".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Purtroppo è stato inutile ogni tentativo di rianimazione effettuato dai soccorsi intervenuti nella notte nella sua abitazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Politica