Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PORTOFERRAIO17°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»

Politica martedì 09 novembre 2021 ore 14:30

"Porto ai privati per 30 anni, una follia"

Canovaro
Umberto Canovaro, capogruppo di "Terra Nostra"

Il gruppo di minoranza consiliare Terra Nostra accusa l'amministrazione comunale guidata da Corsini di voler togliere un bene pubblico ai riesi



RIO — "L’esproprio ai riesi del proprio paese continua ancora imperterrito. Non bastava consegnare ad un privato il business del’illuminazione pubblica per venti anni, al costo fisso di 250mila euro all’anno dalle casse comunali. Adesso anche il porto di Rio viene dato ai privati (di fòri) per trent’anni". 

Le recenti dichiarazioni del sindaco di Rio Marco Corsini a proposito della gestione dello specchio acqueo riese e dei Voltoni non sono piaciute al gruppo di minoranza consiliare Terra Nostra, che è intervenuta con una dura nota contro l'amministrazione comunale di Rio.

"Il porto non sarà più dei riesi, - proseguono i consiglieri  di Terra Nostra - ma si dovrà sottostare anche alle pretese (legittime, ma a volte penalizzanti per gli utenti) del privato che investe. Se in questo comune c’è una possibilità di rendita e di introito valido, che nel tempo possa soddisfare le casse comunali e di conseguenza, per l’ erario, non rendere inevitabile il ricorso alla sola tassazione ordinaria, il Sindaco e la Giunta fanno l’opposto: l’affare lo fanno fare al privato". 

"Quando i soldi della fusione saranno terminati (dopo il prossimo anno -50% circa), per le tasche dei paesani saranno dolori. - aggiumgono i consiglieri di minoranza - Gli investimenti sull’illuminazione, potevano essere compiuti dall’A.C. (amministrazione comunale, ndr) assumendo un mutuo pagato annualmente coi risparmi di spesa sulla bolletta. La ricchezza del paese, i voltoni, le rendite dagli affitti dei posti barca, andranno a soddisfare introiti privati: il comune si lava le mani, si occupa d’altro e così il paese piano piano muore. E’ un concetto che Terra Nostra ha nella denominazione che si è data, quello di valorizzare le risorse del territorio a vantaggio dei propri amministrati. Si sta vedendo come il modello liberista nel mondo stia portando sciagura e disuguaglianze, e Rio nel tempo,non farà eccezione". 

"Anziché darsi da fare per correggere un progetto di Adeguamento Funzionale del porto che è sbagliato, che lo insabbierà fin da subito perché esisterà una sola bocca di entrata e di uscita a mezzogiorno con conseguente afflusso di materiale sabbioso al suo interno che interromperà il naturale scorrere delle correnti marine, non trovano di meglio che disinteressarsi ancora di più del porto e della sua gestione. Ma che ci stanno a fare? Questa Giunta si sta caratterizzando per i forti danni di medio / lungo termine che stanno provocando al paese. E’ l’ora che i cittadini se ne rendano conto come fecero i longonesi quando si trattò di concedere il “loro” porto per venti anni al privato", concludono i consiglieri di Terra Nostra.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Provincia civile regione ha diramato un altro bollettino di vigilanza meteo con codice giallo. Ecco le previsioni per le prossime ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Monitor Traghetti

Cronaca

Attualità