Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:02 METEO:PORTOFERRAIO23°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'Aquila, la demolizione controllata del Viadotto Cerqueta sulla A24

Attualità giovedì 24 agosto 2017 ore 16:40

"Dimissioni e disavanzi, estrema chiarezza"

Il sindaco Claudio De Santi e la sua giunta fanno una serie di precisazioni sui fatti amministrativi degli ultimi giorni



RIO NELL'ELBA — E' l'argomento politico dell'estate, quello che - a rischio di tediare i nostri lettori - ci ha visto riportare ogni passaggio della querelle mediatico/amministrativa legata al pronunciamento della Corte dei Conti sui disavanzi di bilancio del Comune di Rio Elba e alle presunte, possibili e a più riprese ventilate dimissioni del sindaco stesso e di tutta la sua Giunta. Oggi, dopo il consiglio comunale appena svolto, De Santi e i suoi fanno una ulteriore serie di precisazioni.

"A seguito delle notizie apparse su quotidiani - dice il sindaco -  intendo, insieme alla Giunta, a ribadire quattro cose importanti:

1) Le dimissioni si porgono all’Ufficio Protocollo e poi si confermano in Consiglio Comunale se si vogliono avere i 20 giorni di comporto ove, nel Consiglio stesso, si relazionano in maniera dettagliata, le motivazioni.

2) Le dimissioni saranno date ad esclusiva conclusione e convincimento di un'analisi ultimativa e non possono non essere valutate a fondo.

3) I documenti forniti alla Corte dei Conti sono quelli trasmessi dall'allora funzionaria di area 2014 e sono stati valutati dalla stessa Corte dei Conti che lo accerta e lo scrive nella sentenza. Inoltre la Corte dei Conti stessa riceve anche un documento della minoranza firmato dai consiglieri sig.ri Coluccia e Chiassoni. Pensiamo che su questo altro non ci sia da aggiungere.

4) L'analisi della minoranza si sofferma ad evidenziare la ricostituzione di 962.000,00 euro già posti a bilancio 2015. Per coloro che non avessero pratica di materia finanziaria evidenziamo che rimettere a bilancio le suddette poste, non vuol dire averle riscosse. La strada per fare questo è ancora molto lontana. Ma nello stesso bilancio 2015 si dice che esistono altre ricostituzioni che, per esistenza ormai da molti anni, si ritengono prescritte. Questa è stata ovviamente la tesi della nostra Amministrazione per cercare di difendersi e riuscire ad avere una entità di importi possibili.

Ora veniamo alla pronuncia della Corte dei Conti: è di fatto una sentenza inappellabile che dice che la ricostituzione delle cifre (deve avvenire in tre anni !) ed è di ulteriori 1.500.000,00 euro circa. Quindi il totale delle somme poste a vincolo deve essere di 4.200.000,00 euro circa e cioè : 1.700.000,00 circa trovate in essere al 2014, 1.000.000,00 circa riallocate da noi nel 2015 e 1.500.000,00 da ricostituire con la pronuncia specifica dell'8 agosto 2017.

La lettura del documento ufficiale della Corte dei Conti dà questi obblighi. Ogni ulteriore differente valutazione  - conclude la nota - è tendente a sviare la verità e a dare fumus che serve solo per schivare responsabilità politiche da cui noi ci dissociamo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'azienda fa sapere che ha pubblicato un avviso di selezione per stilare 4 graduatorie di profili professionali richiesti. Ecco i termini
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità