Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PORTOFERRAIO25°28°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Cronaca martedì 06 dicembre 2016 ore 10:49

Anziana muore in casa, si indaga sul pacemaker

Potrebbe essere stato il malfunzionamento del pacemaker la causa della morte dell'anziana riese, l'azienda aveva invitato a controllare gli apparecchi



RIO MARINA — Un arresto cardiaco che potrebbe non essere naturale: è questa l'ipotesi al centro dell'inchiesta avviata dalla magistratura livornese sulla morte di Magda Sanguinetti, 77enne di Rio Marina deceduta lo scorso 24 novembre.

Al centro di tutto c'è il pacemaker defibrillatore che la donna aveva impiantato al momento dell'arresto cardiaco che l'ha colta nella sua abitazione. Il macchinario fa infatti parte di quel lotto di apparecchi, 16mila solo in Italia, oltre 400mila nel mondo, prodotti dal colosso americano St. Jude Medical e sui quali era stata diffusa un'allerta nei giorni scorsi.

Nei mesi scorsi infatti la la St. Jude si è resa conto che in alcuni suoi modelli (Fortify, Fortify Assura, Quadra Assura, Unify, Unify Assura e Unify Quadra) prodotti fino al maggio 2015, c'è un problema alla batteria: l'apparecchio che regola il battito cardiaco dei soggetti cardiopatici si scarica improvvisamente lasciando di fatto il paziente con un pacemaker che non funziona, quindi senza protezione nel caso di problemi elettrici a cuore.

Uno di questi modelli era appunto in dotazione a Magda Sanguinetti: anche lei, come le altre migliaia di pazienti, era stata richiamata per un controllo e, in quel momento, non erano state riscontrate anomalie.

Dopo il decesso, tuttavia, il medico legale dell'ospedale di Portoferraio, ha identificato il modello di pacemaker come uno di quelli segnalati a rischio e ha attivato le procedure di segnalazione alle forze dell'ordine. Da quel momento è quindi partita la denuncia alla magistratura che, nella giornata di ieri ha disposto l'autopsia per l'anziana riese.

Sarà quindi l'esame autoptico, la cui data non è ancora stata fissata, a fare chiarezza sulle cause della morte della donna e sullo stato di funzionamento del suo pacemaker defibrillatore.

L'anomalia rilevata dall'azienda statunitense non riguarderebbe tutti i dispositivi in circolazione ma, stando alla nota diffusa dalla stessa St. Jude, una percentuale minima dello 0,21% di questi. Il controllo sugli apparecchi deve tuttavia essere capillare, per questo il ministero alla Sanità ha inviato nelle scorse settimane una circolare a tutti i centri cardiologici e alle Regioni per informarli del problema.

Luca Lunedì
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Purtroppo è stato inutile ogni tentativo di rianimazione effettuato dai soccorsi intervenuti nella notte nella sua abitazione
Orari traghetti Elba Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Politica