Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:PORTOFERRAIO13°25°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
sabato 15 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Commesso eroe salva la collega dal rapinatore con la pistola puntata

Politica giovedì 07 gennaio 2016 ore 10:34

"Non solo Capoliveri, gap democratico all'Elba"

Pino Coluccia, consigliere comunale a Rio Elba, denuncia un progressivo svuotamento di poteri per i consigli comunali e rilancia l'Unione dei comuni



RIO ELBA — "Trovo molto serie e gravi le considerazioni del consigliere Gabriele Baldetti, la sua intenzione di dimettersi dal consiglio comunale di Capoliveri e l'amara conclusione che le contraddistingue e gli esprimo la mia solidarietà come collega consigliere invitandolo a ripensarci". 

Pino Coluccia, consigliere d'opposizione a Rio Elba e esponente Pd, commenta la recente lettera di dimissioni del collega di Capoliveri Gabriele Baldetti e allarga il discorso agli altri comuni elbani denunciando un gap democratico nella politica isolana.

"È una denuncia molto forte dello stato della democrazia istituzionale comunale e partecipata e che rivela una situazione generale, non solo capoliverese, ma in tutta l'Elba: siamo ad una continua esclusione dei consigli comunali - continua Coluccia - dalle decisioni, dalle scelte, che interessano l'insieme delle comunità amministrate e ormai tutte assunte dal solo sindaco, o anche dalla conferenza dei sindaci, quando si tratta di tematiche comprensoriali: sanità, trasporti, tassa di sbarco, promozione turistica, senza una consultazione dei rispettivi consigli. 

Si dimentica che nei consigli, eletti dai cittadini e depositari della loro sovranità politica, non ci sono solo i rappresentanti delle maggioranze, anch'esse non sempre unanimi, ma anche rappresentanti delle minoranze e che devono essere consultate anche se esprimenti opinioni diverse: il pluralismo è il sale della democrazia". 

"Anche questi metodi di governo autoritari - denuncia il consigliere - spesso inefficaci e clientelari, eccedenti per certi atteggiamenti personalistici e da neo podestà, alimentano quell'apatia e distacco dalla politica dei cittadini, denunciata da Gabriele e che si risolvono spesso nell'astensionismo dei cittadini dalla politica e dal voto o nel costituirsi in una varietà di comitati e sottocomitati, con identità confusa e scarso peso politico. 

Forse sarebbe meglio ridare forza a metodi democratici, valorizzando un sistema istituzionale rispettoso delle assemblee elettive, innanzitutto i consigli comunali e pensare finalmente a dare all'Elba un'assemblea consiliare di tutta l'isola attraverso la costituzione dell'Unione dei Comuni elbani". 

"Questo - conclude Coluccia - aumenterebbe l'autorevolezza delle istituzioni comunali elbane e la credibilità della democrazia come trasparenza e imparzialità dei metodi di governo che essa assicura e garantisce. Del resto con la scomparsa delle Province dovremo organizzarci come Comuni dei territori periferici, associandosi, per gestire molte funzioni amministrative e competenze che saranno trasferite ai Comuni, pena, in mancanza di una Unione, vederle gestite da Comuni capoluoghi o città metropolitane o peggio ancora, da organismi tecnocratici. E questo sarebbe un ulteriore smacco per il nostro territorio isolano e per i suoi cittadini".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La coppia era sullo yacht insieme al comandante quando è scoppiato l'incendio e sono stati soccorsi dalla Guardia Costiera
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica