Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:40 METEO:PORTOFERRAIO17°24°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»
Sara Funaro eletta prima sindaca di Firenze: «Porterò il mio lato materno e femminile alla città»

Attualità giovedì 26 luglio 2018 ore 18:15

Corte dei Conti, chiuso il caso Etruria Servizi

Il municipio di Rio Elba

Si è tenuto nei giorni scorsi il dibattimento conclusivo della vicenda riguardante un presunto ammanco nella riscossione dei tributi



RIO ELBA — Un anno di distanza fra la prima e la seconda udienza, e adesso ci vorrà qualche mese prima della sentenza definitiva. Si è tenuto qualche giorno fa  - mercoledì 18 luglio - presso la Procura Generale della Corte dei Conti di Firenze il dibattimento conclusivo della vicenda contabile nella quale la responsabile del servizio tributi del comune di Rio nell'Elba è stata chiamata a rispondere in giudizio per un ammanco di 940mila euro,  "per aver disposto il pagamento alla società affidataria del servizio di accertamento tributario relativo all’ICI di una somma a titolo di aggio corrispondente in sostanza al 90,06% delle entrate accertate, nonostante un disciplinare prevedesse un aggio percentuale non superiore al 37,5%".

La società affidataria  - come ha scritto QUInewsElba in articoli precedenti - è la Etruria Servizi srl, ed i fatti contestati dal procuratore della Corte dei Conti risalgono al 2005 quando l'amministrazione comunale stipulò un contratto con quella società per affidare il servizio di riscossione dell'Ici. Un contratto in essere fino al 2009 quando la nuova amministrazione subentrata decise di gestire il servizio in proprio.

In pratica,  l'Etruria Servizi accertava i debitori dell'imposta comunale e tratteneva come compenso il 37,5% di quanto accertato. Secondo l'accusa sostenuta dal procuratore regionale invece la fetta che andava alla società privata  era di molto superiore, fino al 90%. Il mancato incasso dovuto alla differenza avrebbe quindi formato il mancato introito per il Comune di 940mila euro.

L'accusa , anche nell'ultimo dibattimento, ha ribadito i fatti contestati definendo la procedura "avventata" ed "aberrante", mentre la difesa ha basato il proprio intervento cercando di dimostrare che la differenza riscontrata era  fra accertato e riscosso, e che col tempo le procedure di recupero in corso avrebbero permesso quantomeno di ridurre la cifra contestata, come sarebbe dimostrato anche dagli ultimi bilanci.

Per la sentenza definitiva, quindi, ci sarà da aspettare, in quanto la chiusura del procedimento sarebbe ottimisticamente attesa prima della fine del 2018.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La Provincia civile regione ha diramato un altro bollettino di vigilanza meteo con codice giallo. Ecco le previsioni per le prossime ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Monitor Traghetti

Cronaca

Attualità