Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:03 METEO:PORTOFERRAIO12°23°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
domenica 26 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Benigni a Papa Francesco: «Andiamo insieme alle prossime elezioni, facciamo il campo largo. Vinciamo subito»

Attualità venerdì 15 marzo 2024 ore 06:30

Rimpatrio assistito, "grave coinvolgere le scuole"

Prefetto di Livorno

Cgil chiede chiarimenti al Prefetto sulla circolare alle scuole, iniziativa definita "grave e inaccettabile" perché le scuole devono essere inclusive



PROVINCIA DI LIVORNO — "Il prefetto Paolo D’Attilio ha chiesto all’Ufficio scolastico provinciale di diffondere agli insegnanti la circolare ministeriale sul rimpatrio assistito: un fatto grave e inaccettabile, ci chiediamo infatti quale sia il reale scopo di questa richiesta. Alla Prefettura chiediamo un incontro urgente: sulla questione serve massima chiarezza".

Lo hanno dichiarato Valerio Melotti, segreteria Cgil provincia di Livorno, e Veronica Virgili, segretaria generale Flc-Cgil provincia di Livorno.

"L’invio della lettera da parte della Prefettura all’Ufficio scolastico provinciale è avvenuto lo scorso 28 febbraio. - hanno aggiunto i due esponenti della Cgil - E’ stato lo stesso Ufficio scolastico provinciale ad averci confermato di aver ricevuto la lettera del prefetto contenente la richiesta di: massima diffusione della circolare nei confronti della comunità educante di ogni scuola di ordine e grado.
La circolare del Ministero dell’Interno ha ad oggetto, nello specifico, il rimpatrio volontario assistito con reintegrazione, il Fondo asilo migrazione e integrazione (FAMI) 2021-2027 e il finanziamento dei progetti per il rimpatrio volontario assistito di cittadini di Paesi terzi".


"Non ci risulta affatto chiaro perché insegnanti e famiglie debbano essere a conoscenza di tale progetto.
Chiediamo pertanto urgentemente un incontro per avere chiarimenti in merito ai fatti. Non crediamo sia corretto utilizzare le nostre scuole come mezzo di propaganda del governo per progetti di tale genere. Crediamo che la scuola sia un luogo inclusivo: il valore fondante della scuola è includere tutte/i e rendere partecipi alunne/i, famiglie, del percorso educativo, non segnalare o ancor meno identificare soggetti con relative famiglie da inserire nei progetti di rimpatrio", hanno concluso.

Successivamente sempre dalla Cgil hanno fatto sapere che "a seguito del diffondersi della notizia riguardante la nostra richiesta di chiarimento in merito alla vicenda, comunichiamo che da parte della Prefettura abbiamo appena ottenuto la disponibilità a un incontro già dalla prossima settimana per chiarire la questione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto sulla strada provinciale all'altezza delle Grotte. Un uomo e una donna sono stati trasportati al Pronto soccorso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità