Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:40 METEO:PORTOFERRAIO22°27°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?
Il caso Viganò è lo scisma populista (e complottista) del XXI secolo?

Attualità mercoledì 03 maggio 2017 ore 16:43

"Umiliati da chi dovrebbe aiutarci"

Una lettera firmata narra un disservizio accaduto presso la farmacia dell'ospedale elbano



PORTOFERRAIO — "Mi ritrovo purtroppo a scrivere questa lettera dopo l'ennesima beffa inflitta a mio marito. 

Mio marito ha subito nel 2016 una colonstomia definitiva dopo un tumore al retto e purtroppo da un anno ci troviamo a dover reperire presso la farmacia dell'ospedale di Portoferraio le sacche per stomia. 

Di diritto ne spettano 2 scatole al mese e sempre per diritto, deve scegliere la marca e il modello che più si adatta al suo corpo onde evitare irritazioni o infezioni. Tutto molto semplice se non fosse che ogni volta che vado nella farmacia dell'ospedale (non con Fabio con il quale ormai ci conosciamo) nascono problemi. 

Questa mattina sono andata a ritirare i soliti due pacchi e mi sento rispondere che ce n'è uno solo. Alla mia domanda se per la prossima settimana troverò l'altro pacco mi sento rispondere che non lo sa, non sa nemmeno se li può ordinare e finendo per asserire che: deh, quanto ci farà con un pacco? un mese almeno.

E per tutta risposta ho concluso con un sperando che non gli venga qualche virus intestinale. Lei si è girata e ha scrollato le spalle. 

Voglio sottolineare la profonda umiliazione che ha provato mio marito quando gli ho raccontato il fatto. Un ragazzo giovane che ha affrontato la malattia sempre col sorriso e mai abbattendosi di fronte ad una disabilità come un sacchetto per stomie, si deve sentire umiliato da persone incompetenti che pretendono di sapere anche quante volte deve cambiare il sacchetto e pensando di poter fare ciò che vogliono con i diritti di un malato. 

Bene. Avevo giurato sarei andata al tribunale del malato già lo scorso anno quando, per presa posizione, volevano rifilare a mio marito i sacchetti che volevano loro fregandosene delle sue esigenze. 

Quella volta non feci niente ma sta volta si farà. E la prossima volta, prima di scrollare le spalle, faccia un giro nell'ambulatorio per stomizzati. Guardi cosa significa e soprattutto impari a non calpestare quei diritti che un giorno (ma mi auguro di no) potrebbero esser riservati anche a lei.

Ci vediamo lunedì per il secondo pacco".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Questa la causa più probabile del forte boato avvertito in modo forte all'Elba ma anche sulla costa toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Attualità