QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 13°13° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 19 novembre 2019

Attualità venerdì 07 aprile 2017 ore 17:24

Stanziamenti regionali per la difesa della costa

​Erosione costiera, approvato dalla Regione il nuovo documento operativo da 5 milioni per la difesa della costa, 265.000 euro all'Elba



PORTOFERRAIO — Ammontano a oltre 5 milioni di euro le risorse destinate agli interventi di recupero e riequilibrio della fascia costiera per il biennio 2017 e 2018.

E' quanto stabilisce il Documento operativo per la costa appena approvato dalla giunta regionale che contiene il programma delle progettazioni, dei lavori, delle opere di manutenzione che saranno attuate sia dalla Regione che dai Comuni per i prossimi due anni, proseguendo le attività pianificate con il documento operativo del 2016.

Si tratterà di ripascimenti strutturali, ripascimenti protetti, manutenzione e attività di studio e monitoraggio, azione quest'ultima, che va a implementare e migliorare le informazioni sullo stato della costa. 

Lungo i venti tratti critici già individuati lungo la costa toscana, la priorità degli interventi è stata data in base alla cantierabilità dei progetti ed alla gravità del fenomeno erosivo in corso, anche in relazione alla presenza di un abitato o di aree naturali a rischio, così come hanno evidenziato anche dalle richieste stesse del territorio.

All'Elba sono stati riservati due stanziamenti: oltre 100 mila euro per interventi attuati direttamente dalla Regione, attraverso gli uffici dei geni civili competenti per territorio e 165.000 euro andranno a finanziare l'intervento di ricarica dell'arenile in ghiaia di Chiessi e Pomonte, nel comune di Marciana, che sarà attuato dallo stesso Comune.

"Tra i tratti più significativi di questo documento operativo – ha spiegato l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni – c'è l'ampio spazio che abbiamo dedicato all'analisi delle segnalazioni pervenute dal territorio e delle autorizzazioni concesse dagli uffici regionali, analisi che ha consentito di aggiornare e verificare il quadro conoscitivo complessivo".



Tag

Caso Cucchi, Gabrielli: «Chi ha offeso dovrebbe chiedere scusa»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Politica