Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:45 METEO:PORTOFERRAIO20°21°  QuiNews.net
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
martedì 28 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Federico Rampini e la nuova Arabia Saudita: possiamo fidarci di bin Salman?

Attualità martedì 17 marzo 2020 ore 14:30

S. Giuseppe, invito alla preghiera

La chiesa della Natività, Portoferraio

Don Sergio Trespi, parroco della Natività di Portoferraio, invia una lettera aperta ai fedeli e li invita alla preghiera e al rosario il 19 Marzo



PORTOFERRAIO — Don Sergio Trespi, parroco della chiesa della Natività Beata Vergine Maria di Portoferraio, in periodo di funzioni religiose sospese a causa dell'emergenza Coronavirus invia un invito ai fedeli.

Qui di seguito pubblichiamo l'appello di Don Sergio Trespi.

"Cari parrocchiani,

il momento che stiamo vivendo ci tiene separati fisicamente, ma non nello spirito.

Ogni sera, celebrando la Santa Messa, ricordo tutti indistintamente al Signore.

Giovedì 19 Marzo ricorre la solennità di San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria e custode della Santa Famiglia.

Purtroppo non potremo celebrarlo nel migliore dei modi, ma nulla potrà impedire la nostra vicinanza nella preghiera.

Perciò siamo invitati dalla Conferenza Episcopale Italiana a celebrare nelle nostre famiglie un momento di preghiera: la recita del Santo Rosario (i misteri della luce) alle ore 21 del giorno 19 Marzo, esponendo alla finestra un drappo bianco o accendendo un lume.

Questo non è un rito propiziatorio o un esorcismo, ma è un segno che indica comunione, vicinanza, è segno che in quella famiglia si prega.

Il rosario crea comunità, è quella dolce catena che ci riannoda a Dio.

E' vincolo di amore che ci unisce agli angeli, torre di salvezza negli assalti dell'inferno, porto sicuro nel comune naufragio.

In questo triste momento ci affidiamo alla protezione della Vergine Maria che è l'onnipotente per grazia, noi che le fummo affidati per testamento del figlio Gesù.

Giovedì sera alle 21.00 suonerò le campane, come segno di unione delle nostre famiglie nella preghiera.

Preghiera di intercessione, di fratellanza e di meditazione di valori che in questi ultimi anni abbiamo messo un po' in disparte.

I cristiani del III secolo invocavano la Madonna così:

'Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio,

Santa Madre di Dio:

non disprezzare le suppliche

di noi che siamo nella prova

e liberaci da ogni pericolo

o Vergine gloriosa e benedetta'.

Intercedendo la Santa Madre di Dio, San Cristino nostro patrono, invoco su ogni famiglia la benedizione del Signore".

Don Sergio


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un’opportunità strategica per monitorare l’ecosistema marino nel corso della realizzazione dei grandi collegamenti sottomarini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità