QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PORTOFERRAIO
Oggi 10° 
Domani 10°10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News elba, Cronaca, Sport, Notizie Locali elba
giovedì 13 dicembre 2018

Politica venerdì 07 dicembre 2018 ore 07:00

"Plastic free", la mozione di Del Torto

Alessia Del Torto

La consigliera di minoranza porta in Consiglio comunale la proposta per la diffusione e vendita di prodotti monouso esclusivamente biodegradabili



PORTOFERRAIO — L'ordinanza pubblicata dal Comune di Marciana Marina, primo Comune dell'Elba a prendere provvedimenti per limitare l'uso della plastica usa e getta, mette gli altri Comuni dell'isola d'Elba di fronte ad una scelta importante. Ma anche la scelta di Unicoop Tirreno di eliminare l'uso del polistirolo per le cassette del pesce. Ieri infatti Alessia Del Torto, consigliera di minoranza del Comune di Portoferraio, ha informato di aver presentato la seguente mozione improntata a sollecitare anche nel capoluogo dell'Elba la riduzione della plastica monouso. La mozione sarà discussa prossimamente in Consiglio comunale.

"Il problema dell'inquinamento dei nostri mari e della diffusione di residui di plastica sulle spiagge elbane - scrive Del Torto - è da sempre sotto gli occhi di tutti noi che viviamo l'Isola ogni giorno dell'anno. All'isola d'Elba, il primo grande segnale di rivoluzione rispetto a questo problema è arrivato proprio qualche giorno dall'Amministrazione comunale di Marciana Marina che con l'ordinanza n. 29 del 3 Dicembre ha vietato la distribuzione di prodotti monouso (piatti, bicchieri etc.) non biodegradabili".

"Un altro segnale è arrivato dalla Unicoop Tirreno - aggiunge la consigliera - che, con un comunicato di ieri, ha presentato il progetto di sostituire le cassette del pesce in polistirolo con cassette di plastica riutilizzabile. Con il medesimo obiettivo di proteggere l'ambiente riducendo al massimo la quantità di rifiuti in plastica ho deciso di presentare la mozione “Portoferraio plastic free" da discutere e approvare (spero) nel prossimo Consiglio comunale di Portoferraio che qui riporto sinteticamente:

Premesso che: con l'art. 9-bis D.L. 91/2017, convertito in Legge dall'art. 1 della Legge 123/2017, è stato prescritto il divieto definitivo di commercializzazione di contenitori non biodegradabili non rispondenti alla normativa comunitaria ed alle norme tecniche approvate a livello comunitario; l'Unione europea ha emanato nel corso del 2018 specifiche direttive aderenti alla 'strategia europea della plastica' al fine di una riduzione sensibile in tutto il territorio dell'Unione dell'uso delle stoviglie in plastica monouso quali piatti, bicchieri, posate, cannucce, mescolatori di bevande monouso, stecche per palloncini, cotton fioc non biodegradabili, quale precipuo intervento atto a contribuire alla salvaguaria del mare, dei laghi e dei fiumi;

Atteso che: le Amministrazioni, in base alla normativa vigente, devono assumere l'obbligo e, più in generale, l'impegno di predisporre ed attuare tutte le misure volte alla prevenzione e alla riduzione delle quantità di rifiuti nonché alla valorizzazione, lo studio e l'introduzione di sistemi integrati per favorire la sostenibilità ambientale del territorio; i costi di conferimento ricadono interamente sul bilancio contabile comunale e sul bilancio ecologico di tutto il territorio;

 considerato che le plastiche non biodegradabili si diffondono pericolosamente in mare inquinando le acque e le nostre spiagge, oltre a causare la morte di animali marini, si ritiene opportuno promuovere iniziative finalizzate alla riduzione al minimo dell'utilizzo dei prodotti monouso non biodegradabili e, pertanto, si impegna il Sindaco di Portoferraio ad adottare, tramite l'emissione di un'ordinanza, le seguenti misure idonee al perseguimento degli obiettivi di cui sopra: 

gli esercenti sul territorio comunale le attività commerciali, artigianali e di somministrazione alimenti e bevande potranno distribuire agli acquirenti, esclusivamente in materiale biodegradabile e compostabile piatti, bicchieri, posate, sacchetti monouso, cannucce e cotton fioc; i commercianti, le associazioni, gli enti, in occasione di feste pubbliche, manifestazioni e sagre potranno distribuire al pubblico, visitatori e turisti, esclusivamente in materiale biodegradabile e compostabile, posate, piatti, bicchieri e sacchetti monouso".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità